Fuga venosa: che cos'è?

La fuga venosa, chiamata anche disfunzione veno-occlusiva, è un disturbo sessuale per cui il sangue non viene trattenuto nei corpi cavernosi del pene.

Si tratta di un tipo di disfunzione erettile in cui il paziente ha un'erezione ma non può mantenerla a lungo, quindi non è in grado di avere un rapporto sessuale soddisfacente. In questo caso, il paziente perde l'erezione rapidamente quando cambia posizione o pochi minuti dopo.

Un altro tipo di disfunzione erettile?

La disfunzione erettile o la perdita dell'erezione è solitamente legata alle persone anziane, soprattutto agli uomini dopo i 60 anni. Quando questi problemi di erezione si presentano prima, anche tra i giovani tra 20 e i 30 anni, i campanelli d'allarme iniziano a suonare perché è difficile credere per un giovane uomo che una tale situazione possa accadere in un'età così precoce.

Non tutte le disfunzioni erettili sono uguali, quindi non tutte hanno bisogno dello stesso trattamento. Nel caso della fuga venosa, ci troviamo di fronte a un problema di disfunzione che può colpire uomini molto giovani. Da qui l'importanza di trovare l'esperto giusto con sufficiente esperienza in questo campo per trattare un problema un po' sconosciuto. Infatti, è abbastanza comune sentire dei pazienti insoddisfatti per non aver trovato il trattamento giusto.

Sintomi della fuga venosa

Si ritiene che la fuga venosa sia una causa di impotenza o disfunzione erettile negli uomini. Il disturbo si verifica quando le vene del pene non possono impedire il deflusso del sangue necessario per un'erezione stimolata sessualmente. In altre parole, il danneggiamento delle vene del pene a causa di un'eccessiva masturbazione, depositi chimici, lesioni meccaniche o accumulo di placche ne provoca la perdita, permettendo al sangue di affluire verso la periferia, provocando così un'erezione del pene debole, o molto scarsa.

Alcuni dei sintomi più comuni della fuga venosa includono:

  • Erezione debole cronica, insufficiente per l'erezione stimolata sessualmente;
  • Difficoltà a raggiungere e mantenere l'erezione;
  • Rigidità erettile dipendente dalla posizione;
  • Disfunzione erettile persistente;
  • Sindrome del glande molle;
  • Perdita di qualità delle erezioni;
  • Resistenza ai farmaci tradizionali per la disfunzione erettile.

Quali sono le cause della fuga venosa?

Avviene come conseguenza della mancanza di apporto di sangue nel pene; si tratta, quindi, di un caso di alterazione vascolare venosa. Non essendoci un flusso di sangue sufficiente nei corpi cavernosi del pene, l'erezione arriva ma non può essere mantenuta perché il sangue letteralmente “scappa” dai corpi cavernosi. Questa fuga avviene di solito quando il paziente cambia la sua posizione; quando si siede o si alza da una posizione supina, per esempio.

Accade spesso che, agli uomini che ingeriscono troppe sostanze chimiche innaturali, come sigarette, alcol e droghe, venga diagnosticata la fuga venosa. Queste sostanze chimiche non solo possono danneggiare la salute fisica, ma anche gli organi sessuali.

Migliorare la sessualità maschile con integratori naturali: Sesso più intenso, potente e una migliore resistenza
Consulta questa guida

Anche la distruzione meccanica del tessuto del pene dovuta a un’attività sessuale eccessiva può essere la causa di questo disturbo. La masturbazione eccessiva può causare danni ai vasi sanguigni del pene e ai nervi circostanti.

La perdita venosa può verificarsi nei maschi con malattie vascolari che colpiscono i vasi sanguigni, con conseguente flusso di sangue arterioso improprio. Inoltre, le arterie invecchiate e l'accumulo di placche dovuto al colesterolo alto rischiano di bloccare i vasi sanguigni, che è anche uno dei fattori che contribuiscono alle fughe venose. Le malattie vascolari rischiano, inoltre, di causare la disfunzione erettile.

Quanto influisce la condizione psicologica

Quanto influisce la condizione psicologica?

Questo disturbo è anche associato ad alcune malattie nervose, al diabete e all'ansia.

Alcuni uomini che soffrono della malattia di La Peyronie, che comporta un accumulo di tessuto cicatriziale nelle camere erettili del pene, sperimentano erezioni curve e dolorose.

Inoltre, i danni al pene dovuti a un trauma possono provocare un problema di fuga venosa.

Alcune malattie a trasmissione sessuale sono anche responsabili di questo problema in una piccola percentuale di uomini, in quanto possono causare l'accumulo di tessuto cicatriziale nel pene.

Gli uomini che soffrono di ansia non sono in grado di rilassare i muscoli, il che può interferire nella capacità di raggiungere un'erezione.

Come si diagnostica la fuga cavernosa?

La fuga cavernosa è la causa principale di disfunzione erettile negli uomini che riescono a raggiungere l'erezione ma la perdono molto velocemente.  L'insufficienza veno-occlusiva può avvenire anche in casi in cui i farmaci come il Viagra o il Cialis non funzionano bene.

Una diagnosi definitiva di disfunzione erettile venosa occlusiva viene fatta utilizzando l'ecografia Doppler peniena con un'iniezione intra-cavernosa di prostaglandina o Trimix.  La velocità end-diastolica, un parametro misurato dall'ecografia duplex, è tipicamente maggiore di 5 mL/s nei pazienti con una fuga venosa.  Normalmente, la EDV (velocità end-diastolica) è inferiore a 5.

È importante capire che l'ansia può produrre risultati falsi. Allo stesso modo, una dose inadeguata di Trimix o prostaglandina può suggerire un'insufficienza veno-occlusiva quando il problema può essere legato all'insufficienza arteriosa o a un problema combinato.

Assumere una dose più alta di Trimix o SuperTrimix è consigliato quando la diagnosi è incerta.

Causa psicologica o neurologica

Alla base di questo problema potrebbero esserci cause psicologiche o neurologiche, da prendere in considerazione durante la diagnosi.

Nei pazienti con disfunzione erettile, è importante differenziare una causa neurologica o psicologica da una causa organica. Oltre a una storia clinica completa, un esame fisico e indagini di laboratorio appropriate, l'ecografia color Doppler del pene è diventata preziosa nella valutazione della disfunzione erettile. Si tratta di uno strumento relativamente poco costoso e minimamente invasivo che permette una buona visione dell'anatomia del pene, così come i modelli di flusso nei vasi, nella diagnosi della disfunzione erettile.

Trattamento della fuga venosa

Trattamento della fuga venosa

Naturalmente c'è una soluzione per questo problema, purché ci si rivolga agli esperti giusti. Attualmente non esistono né farmaci orali né farmaci di uso topico per i casi di disfunzione erettile dovuta a fughe venose.

Esistono dei farmaci iniettabili, che però possono avere degli effetti collaterali a lungo termine, anche se potrebbero essere relativamente utili in alcuni casi particolari.

Il trattamento più efficace e adeguato per i casi di disfunzione erettile dovuta a fughe venose è la procedura chirurgica.

Sono disponibili una serie di opzioni di trattamento delle perdite venose, tra cui:

  • Fascia di costrizione del pene;
  • Sostituzione ormonale del testosterone;
  • Impianto penieno artificiale;
  • Pompa;
  • Chirurgia;
  • Ricostruzione arteriosa;
  • Iniezione;
  • Legatura.

La legatura è uno dei trattamenti più popolari per il problema delle fughe venose. La procedura comporta la resezione delle vene profonde dorsali e l'unione della vena cavernosa con l'arteria cavernosa, garantendo la sicurezza dei nervi dorsali e dell'arteria.

Informazioni sull'autore

Laura

Curiosa e competente, la nostra laureata in comunicazione e redattrice da più di 8 anni a primadanoi.it, ha già al suo attivo più di 100 progetti. Esperta e appassionata, usa le sue dieci dita magistralmente per redarre i suoi articoli.