Sono molti i falsi miti e le leggende circa gli aspetti della vita sessuale in genere, che nel corso dei secoli è stata stigmatizzata soprattutto dalle religioni. Cerchiamo di sfatare qualche falso mito. Uno di questi vede gli uomini come inattivi sessualmente, arrivati ad una certa età. Questo non è vero, e avere una vita sessuale sana e attiva può avere solo dei benefici, in generale.
Detto ciò, è vero che con l’età si verifica un calo di desiderio negli uomini, dovuto soprattutto alle carenze di testosterone, che spesso portano alla disfunzione erettile, un problema di cui si parla sempre troppo poco.

Gli step della sessualità degli uomini

È vero che a partire dai 30 anni si verifica un calo dei livelli ormonali maschili. Pare che dai 30 anni in poi i livelli di testosterone diminuiscano di circa l'1% all'anno.
L'uomo medio di trent'anni può avere poco meno di tre orgasmi alla settimana. E di solito ha un controllo molto migliore. Alcuni trentenni possono soddisfare le loro partner per mezz'ora prima dell'eiaculazione, in ogni caso a questa età gli uomini dovrebbero già aver capito che è possibile soddisfare una donna in molti altri modi.

Tra i quaranta e i cinquanta

Una piccola parte dell'industria farmaceutica sta attualmente cercando di convincere il pubblico che esiste una cosa identificata come la “menopausa maschile” e che quindi i quarantenni hanno probabilmente bisogno di integratori di testosterone o di farmaci tipo Viagra. Ma non esiste un equivalente maschile dell'improvviso crollo degli ormoni sessuali che ha una donna quando entra in menopausa, e la maggior parte degli uomini in questa fascia d'età sperimenta ancora circa due orgasmi a settimana senza alcun aiuto medico.
Molti sono estremamente ben controllati a letto, e di conseguenza sono amanti migliori di quanto siano mai stati in vita loro.
In base ad alcuni sondaggi il “punteggio” medio per gli uomini di cinquant'anni è di 1,75 orgasmi a settimana. Solo circa il 7% dei maschi sono impotenti in questa fase e la maggior parte sono ben in grado di soddisfare le loro partner.

Healthy sex life

Tra i sessanta e i settanta

Da questo punto in poi, la vita sessuale dipende molto dalla condizione fisica e dalla salute in generale. La maggior parte delle stime indicano il numero medio di orgasmi in poco meno di uno a settimana, ma alcuni decidono di rinunciarci del tutto.
Sembra che circa il 20 per cento sei sessantenni soffra di disfunzione erettile.
Diventa difficile trovare dati affidabili per ciò che riguarda i settantenni.
Un numero crescente di uomini sulla settantina ha una salute cagionevole, che spesso influenza negativamente le loro prestazioni sessuali. Ma circa il 70% dei maschi settantenni può essere ancora attivo senza l'aiuto di farmaci.
In pratica, i farmaci tipo Viagra hanno aumentato notevolmente la quantità di attività sessuale in questa “settima età” e oltre.

Conclusioni

Secondo i nuovi risultati del National Poll on Healthy Aging, il 40% delle persone tra i 65 e gli 80 anni sono sessualmente attive. Quasi tre quarti delle persone in questa fascia d'età hanno un partner romantico; il 54% di quelli con un partner sono sessualmente attivi.
Sia che abbiano o meno una vita sessuale attiva, quasi due terzi degli adulti anziani dicono di essere interessati al sesso. Più della metà dice che il sesso è importante per la qualità della loro vita.
E quando è stato chiesto loro se sono soddisfatti della loro attuale vita sessuale, il 73% del campione rappresentativo nazionale di 1.002 persone intervistate ha detto di esserlo. Il sondaggio è stato condotto dall'Istituto dell'Università del Michigan per la politica e l'innovazione sanitaria e sponsorizzato da AARP e Michigan Medicine, il centro medico accademico della U-M.
Questo ci dimostra che non esiste età, e che è possibile continuare ad avere rapporti sessuali anche dopo una certa età.

About the Author

Laura

Curiosa e competente, la nostra laureata in comunicazione e redattrice da più di 8 anni a primadanoi.it, ha già al suo attivo più di 100 progetti. Esperta e appassionata, usa le sue dieci dita magistralmente per redarre i suoi articoli.