Ho un'erezione debole: cosa significa?

Problemi di erezione debole sono da assimilare ai problemi di disfunzione erettile, che molti uomini sperimentano nel corso della vita, e che può essere trattata.

La disfunzione erettile è anche conosciuta come impotenza, e significa che un uomo non è in grado di mantenere il pene in erezione per concludere un rapporto sessuale soddisfacente. Molti uomini hanno problemi di erezione a volte, e la probabilità aumenta con l'età.

Mantenere un'erezione è un processo complicato. Durante un'erezione, i vasi sanguigni che fanno entrare il sangue nel pene si rilassano e si allargano, cioè si dilatano.

Questo lascia affluire più sangue, che fa sì che i tessuti simili a spugne si gonfino e si induriscano.

I sensi e anche i pensieri influenzano una parte del cervello che manda un impulso per far si che avvenga l’erezione.

Inoltre, gli ormoni e altre sostanze, ma principalmente i nervi trasmettono i “segnali sessuali” e i vasi sanguigni rispondono ai segnali ricevuti. I pensieri eccitanti o i meccanismi del sistema nervoso come i riflessi del tatto sono 2 modi per ottenere un'erezione.

Cosa può causare un'erezione debole?

La disfunzione erettile si verifica quando la stimolazione sessuale o l'eccitazione non si traduce in un flusso di sangue sufficiente al pene ed è causata da ragioni fisiche o psicologiche.

Anche se dipendente ragione fisica iniziale, una volta risolta potreste percepire ancora un po’ di ansia durante il rapporto sessuale, e questo potrebbe innescare un problema di disfunzione erettile, causato da un aspetto psicologico.

Anche alcol, fumo e droghe come narcotici influenzano anche la funzione sessuale.

Le sostanze chimiche del fumo possono interferire con il flusso di sangue al pene e danneggiare il rivestimento dei vasi sanguigni o portare all'aterosclerosi, cioè l’indurimento delle arterie. Può anche influenzare il tessuto muscolare liscio che deve rilassarsi per permettere al sangue di fluire all'interno.

L'uso a breve termine di alcol influisce sul desiderio sessuale, riduce le prestazioni e ritarda l'orgasmo e l'eiaculazione.

Cause psicologiche della disfunzione erettile

Cause psicologiche della disfunzione erettile

I problemi psicologici sono la causa più comune, e spesso fanno riferimento a stati di ansia durante il rapporto.

Ci sono una serie di fattori psicologici che influenzano l'erezione, tra cui:

-Atteggiamenti esistenti nei confronti del sesso;

-Stress, senso di colpa, depressione o stanchezza;

-Ansia legata a prestazioni, cioè riguardanti le vostre prestazioni durante il rapporto;

-Esperienze passate traumatiche, compreso l'abuso sessuale;

-Scarsa considerazione di sé e del proprio corpo;

-Problemi di relazione;

-Problemi con l'intimità e la comunicazione;

-Rapporti sessuali meno di una volta a settimana (con il doppio del rischio di sviluppare la disfunzione erettile).

Il consumo di pornografia non è generalmente una causa.

C'è spesso un circolo vizioso che collega l'ansia da prestazione e la disfunzione erettile. Se avete ancora delle erezioni a volte e il problema è iniziato rapidamente (eccetto dopo un intervento chirurgico), questo di solito implica delle motivazioni di origine psicologica.

Cause fisiologiche

Le cause fisiologiche possono essere rintracciate in una serie di fattori, molti dei quali sono collegati alla mancanza di testosterone o a problemi cardiovascolari.

Squilibrio ormonale

Lo squilibrio ormonale è una causa di disfunzione erettile in circa 7 uomini su 100. Alcuni disturbi ormonali che influenzano la funzione erettile sono le malattie della tiroide, l'acromegalia, il testosterone basso, le anomalie del cortisolo e la prolattina alta.

Danni ai nervi

I danni ai nervi possono portare a una ridotta sensibilità o a una riduzione dei segnali al pene per rilasciare le sostanze chimiche che stimolano l'erezione. I danni ai nervi possono essere causati da lesioni al midollo spinale, sclerosi multipla e morbo di Parkinson. Il trauma pelvico dovuto a un incidente o a un intervento chirurgico pelvico, comprese alcune operazioni oncologiche alla prostata, alla vescica o all'intestino, può provocare un danno ai nervi che porta alla disfunzione erettile. Anche l'ictus può portare alla disfunzione erettile.

Malattie cardiovascolari

I vasi sanguigni spesso si restringono e si induriscono con l'avanzare dell'età. Questo riduce l'apporto di sangue al pene. Le malattie che colpiscono i vasi sanguigni includono il diabete, l'ipertensione e il colesterolo alto.

Altre patologie

L'obesità (dovuta a molteplici ragioni come il testosterone basso e l'infiammazione), l'apnea ostruttiva del sonno, il ciclismo prolungato (danni al nervo pudendo), la scarsa attività fisica e la malattia renale cronica possono influenzare la funzione erettile.

I trattamenti

Molti uomini sono insoddisfatti della loro capacità di ottenere o mantenere un'erezione, ma solo il 5% di questi uomini cerca aiuto. Questo perché la maggior parte degli uomini, in generale, non sono disposti a parlare della loro vita sessuale, anche quando va bene.

Capire che la disfunzione erettile potrebbe avere una causa medica, proprio come l'asma o l'artrite, può aiutarvi a sentirvi più a vostro agio nel parlarne al vostro medico.

Il vostro medico è abituato a parlare di questi problemi. Aprendo questa discussione, che è confidenziale, il medico può aiutarvi in molti modi.

Può controllare lo stato di salute e tutti i farmaci attuali per verificare i probabili effetti collaterali. Se si sospettano ragioni psicologiche, il medico può consigliarvi su cosa potrebbe aiutarvi, consigliandovi anche l’accesso ai servizi di consulenza di cui voi (e il/la vostro/a partner) potreste beneficiare.

I test da effettuare possono includere:

-Un esame fisico, che può includere i genitali e la ghiandola prostatica;

-Controllo degli effetti collaterali dei farmaci;

-Esami del sangue e delle urine per gli ormoni, i lipidi nel sangue, la tiroide, la funzione epatica e renale e il diabete.

Se i vostri problemi di erezione hanno una causa medica, il vostro medico può spiegare le opzioni di trattamento, le tecniche necessarie per farle funzionare e la loro idoneità per le vostre esigenze in base alla vostra salute generale.

Quali sono i diversi trattamenti se la causa è fisiologica?

Se la causa è fisiologica, uno specialista vi consiglierà un trattamento con dei farmaci specifici. Non è possibile andare più nel dettaglio perché dipende quali sono state le cause scatenanti, e in base a quello, viene consigliata una terapia specifica.

Anche se si tratta di cause fisiologiche che è possibile curare con i farmaci, si consiglia comunque una terapia di coppia.

Attraverso la terapia, la coppia ha il potenziale per migliorare non solo la sua funzione sessuale, ma anche la sua comunicazione sessuale e la qualità della sua relazione sessuale. E succede molto spesso che, una volta terminata la terapia, la coppia comincia a godersi la vita sessuale ancora di più di quanto non facesse prima che il problema si presentasse!

Come prevenire un'erezione debole

Come prevenire un'erezione debole: cambiare lo stile di vita

Generalmente, come abbiamo visto, le cause sono psicologiche. In ogni caso seguire uno stile di vita sano può solo contribuire a farvi stare meglio ed evitare disfunzioni ad ogni livello.

Gli esperti raccomandano di fare sport o esercizio fisico anche a casa, nel caso si fosse impossibilitati. Per esempio, utilizzare una cyclette o fare una corsa al parco potrebbe essere un buon modo per tenersi allenati, per 2-3 volte a settimana.

Seguire una dieta mediterranea, che è stata valutata da tutti gli esperti come la migliore opzione per l’organismo, deve essere un must. Si tratta di una dieta equilibrata, che prevede la giusta dose di carboidrati, proteine, e minerali.

È, inoltre, fortemente consigliato evitare il fumo e l’alcol.

Tutti questi fattori potrebbero aiutarvi a prevenire moltissime malattie, tra cui la disfunzione erettile.

La prevenzione è molto importante per evitare problemi successivi.

Informazioni sull'autore

Laura

Curiosa e competente, la nostra laureata in comunicazione e redattrice da più di 8 anni a primadanoi.it, ha già al suo attivo più di 100 progetti. Esperta e appassionata, usa le sue dieci dita magistralmente per redarre i suoi articoli.