C’è un legame tra esposizione al freddo, perdita di peso e termogenesi? La pratica di fare bagni di ghiaccio è stata resa popolare, in parte, grazie agli effetti del freddo sulla perdita di peso.

Uno dei modi in cui il corpo risponde al freddo è quello di velocizzare il metabolismo, non per produrre energia sotto forma di adenosina trifosfato (noto come ATP), ma per produrre calore per riscaldare il corpo e, nel processo, bruciare i grassi. Questo processo è chiamato termogenesi fredda.

Ci sono due tipi di termogenesi che si verificano come risposta biologica all'esposizione al freddo. Il

primo tipo di termogenesi indotta dal freddo si verifica nel tessuto muscolare e comporta l'aumento del metabolismo per produrre calore. Questo funziona perché il metabolismo non è efficiente al 100% e produce calore come sottoprodotto. Si parla di termogenesi da brivido, perché le contrazioni muscolari sono ciò che effettivamente permette di aumentare il metabolismo energetico.

Il secondo tipo di termogenesi indotta dal freddo si verifica nel tessuto adiposo (grasso) e si chiama termogenesi senza brivido. Questo tipo di termogenesi è quel processo veramente responsabile dell'effetto “brucia grassi” che l'esposizione al freddo può avere e di solito avviene dopo che il corpo si è adattato all'esposizione al freddo.

Quali sono le conseguenze del freddo sul corpo?

Parliamo di termogenesi senza brivido e del tessuto adiposo bruno. Questo processo è in parte regolato dalla norepinefrina, che sappiamo già essere indotta in modo robusto dall'esposizione al freddo da 2 a 5 volte, a seconda dell'intensità del freddo e della durata dell'esposizione.

La norepinefrina indotta dal freddo aumenta l'espressione della proteina nota come proteina disaccoppiante 1 (UCP1), che ha l'effetto di disaccoppiare i mitocondri, i produttori di energia della cellula.

Ma cosa significa che i mitocondri sono disaccoppiati? Quando si dice che i mitocondri sono accoppiati, ci si riferisce all'accoppiamento della generazione di un'unità di energia (ATP) al trasporto di elettroni (che sono derivati del cibo), che creano un gradiente elettrochimico attraverso i mitocondri che è caricato negativamente all'interno e positivamente caricato all'esterno. I mitocondri sono un po' come delle batterie in questo senso.

Brucia i grassi con integratori alimentari naturali : Brucia i tuoi grassi eliminando facilmente e rapidamente il grasso immagazzinato nel tuo corpo

Consulta questa guida

Quando l'esposizione al freddo attiva la proteina disaccoppiante 1 (UCP1), questo disaccoppia il gradiente elettrochimico, il che significa che non c'è più un terminale negativo o positivo per i mitocondri. In risposta, i mitocondri cercano di ristabilire il gradiente elettrochimico trasportando elettroni che derivano dal grasso immagazzinato (chiamato ossidazione del grasso) e producendo calore come sottoprodotto di questo processo.

Il che modo i freddo può aiutare a perdere peso?

Uno dei modi in cui la proteina disaccoppiante 1 (UCP1) accelera il metabolismo è produrre più mitocondri nel tessuto adiposo, che provoca un “effetto marrone” convertendo

il più comune tessuto adiposo bianco nella sua controparte metabolicamente più attiva: il tessuto adiposo bruno. Si può pensare a questo in termini semplici: più tessuto adiposo bruno ha il vostro corpo, più grasso brucerete. Il motivo per cui è chiamato tessuto adiposo bruno è perché ogni cellula di grasso ha più mitocondri per cellula e i mitocondri fanno apparire il grasso marrone quando lo si guarda al microscopio.

Quindi, è possibile dire che l'esposizione al freddo aumenta la termogenesi senza brivido.

Come perdere peso con il freddo: i diversi metodi da adottare

Ma è possibile sfruttare questi dati a nostra disposizione in modo personale? È possibile agire anche solo stando a casa? Vediamo quali rimedi casalinghi si possono sfruttare.

Fare docce o bagni freddi

Alcuni sostengono che fare bagni freddi aiuti ad ottenere tassi più bassi di depressione e ansia, ma potrebbe anche aiutare a ridurre il dolore, l’infiammazione, e possa inoltre aiutare a ottenere una migliore funzione immunitaria e maggiore produttività.

Ma le docce fredde possono davvero aiutare a dimagrire? Su internet sembra di sì, con i sostenitori di questa tesi che dicono che le docce fredde possano aumentare il metabolismo e aiutano a bruciare più grassi durante il giorno.

E, a quanto pare, c'è qualche base scientifica. Dopo tutto, è stato ripetutamente dimostrato che le temperature fredde aumentano l'attivazione del grasso bruno che brucia l'energia del corpo. Quindi, pare che anche una doccia fredda possa aiutare a farci eliminare kg in più.

Passeggiate

È consigliato combinare l'esposizione al freddo con una camminata intensa.

Una camminata intensa al freddo può portare la frequenza cardiaca a salire fino 115-120 per la mia età, senza sudare troppo, il che è ottimo per bruciare grassi.

Qualche consiglio utile per perdere peso con il freddo

Se non avete mai provato questi rimedi, dovrete iniziare con esposizione meno intense.  Ricordate, se non tollerate molto il freddo, una esposizione prolungata potrebbe causare più danni che benefici.  A proposito, essere eccessivamente intolleranti al freddo può essere un segno di una tiroide poco attiva, quindi parlatene col vostro medico.

Se gestite bene il freddo, allora potete iniziare con esposizioni al freddo più lunghe e intense

Mentre provate questi rimedi, prestate molta attenzione e cercate di capire se state facendo progressi.

Siete in grado di gestire esposizioni più lunghe e più intense di freddo senza percepirlo insopportabile o, più specificatamente, senza tremare o avere la pelle d'oca? Proprio come l'esercizio fisico, bisogna seguire i propri progressi.

Il miglioramento della tua tolleranza al freddo è un segno interessante, e ci dice che il nostro corpo è in grado di generare più calore, il che significa anche che state bruciando più calorie.

Se iniziate a “crollare” nel pomeriggio dopo una sessione mattutina di freddo (doccia, esercizio all'aperto, ecc.), proprio come potreste fare per una forte dose di caffè o un allenamento intenso, potrebbe essere il segno che forse state esagerando.

Conclusione

Per qualche tempo si è pensato che gli adulti umani avessero quantità trascurabili di tessuto adiposo bruno (BAT). Sempre più spesso, tuttavia, gli studi stanno dimostrando che gli esseri umani adulti hanno questo speciale tipo di tessuto adiposo che è metabolicamente attivo.

Il fatto che abbiamo tessuto adiposo bruno ribalta il vecchio dogma che una volta affermava che il tessuto adiposo si trovasse principalmente durante l'infanzia negli esseri umani. Infatti, è stato dimostrato che il tessuto adiposo bruno mostra una correlazione inversa alla percentuale di grasso corporeo in un individuo. Migliorando terapeuticamente la produzione di tessuto adiposo bruno (BAT) dal tessuto adiposo bianco (WAT) si potrebbe combattere l'obesità.

La buona notizia è che l'esposizione ripetuta al freddo intermittente ha dimostrato di aumentare il tessuto adiposo bruno (BAT) negli esseri umani e aumentare la nostra capacità di non rabbrividire. Giovani uomini e donne sani che sono stati esposti a temperature dell'aria di 1516°C per 6 ore al giorno per 10 giorni consecutivi hanno aumentato il loro tessuto adiposo bruno di circa il 37% e, dopo l'acclimatazione, hanno anche aumentato la termogenesi senza brivido dell'1118%.

Uno studio fatto su un piccolo campione di giovani uomini ha mostrato che l'acqua fredda a 20°C per un'ora ha aumentato il tasso metabolico del 93% e 1 ora a 14°C ha aumentato il tasso metabolico del 350%.

Informazioni sull'autore

Laura

Curiosa e competente, la nostra laureata in comunicazione e redattrice da più di 8 anni a primadanoi.it, ha già al suo attivo più di 100 progetti. Esperta e appassionata, usa le sue dieci dita magistralmente per redarre i suoi articoli.