SERIE A

Il mercato del Pescara non decolla. Ancora difficoltà per difensore e punta

Altro test col San Nicolò: 5-0 e doppiette di Del Sole e Nicastro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

289




PALENA. Di fronte al solito folto gruppo di tifosi, il Pescara ha passeggiato 5-0 contro il San Nicolò Teramo, formazione abruzzese che ha militato nell'ultima stagione in Serie D.

I giudizi tecnici lasciano il tempo che trovano, con tanta strada ancora da fare ed altre amichevoli (come ad esempio quella col Celta Vigo ad Agosto, ndr) che diranno di più dello stato di forma dei biancazzurri a poco più di 20 giorni dall'esordio all'Adriatico col Napoli. Nel corso dei 90 minuti di gioco mister Oddo ha mischiato le carte utilizzando tutti gli uomini a propria disposizione. Sugli scudi Del Sole e Nicastro, autori di una doppietta a testa rispettivamente nella prima e seconda frazione. In rete anche Verre.

In campo nel primo tempo Bizzarri in porta; Zampano, Coda, Crescenzi e Diallo in difesa; Verre, Brugman e Bulevardi a centrocampo; Mitrita e Del Sole alle spalle di Manaj. Nella ripresa spazio a Fiorillo, Mazzotta, Zuparic, Maloku, Memushaj, Cristante, Selasi, Benali, Caprari e Nicastro.

La partita più importante però si è giocata ben lontana dal ritiro di Palena. Gli operatori di mercato biancazzurri infatti, sotto la regia del patron Sebastiani, continuano a scandagliare il mercato alla ricerca del difensore e della punta richiesta con insistenza da Massimo Oddo. Dopo il naufragio delle trattative che portavano a Leskovic, Stendardo e Ajeti e le smentite di rito del presidente sugli arrivi di Pizarro e Osvaldo, per Leone e Pavone la priorità resta Gyomber. Per il difensore ceco la sensazione è che si arrivi ad una decisione finale non prima di agosto, con la Roma che continua a non avere nessuna intenzione di partecipare all'alto ingaggio percepito dal calciatore.

Per l'attacco resta caldo il nome di Osvaldo ma il Delfino è alla ricerca anche di un trequartista in grado di alternarsi con i titolarissimi Caprari e Benali.


Andrea Sacchini