PESCARA CALCIO

Serie A. Leone scopre le carte: «il Pescara cerca un difensore e una punta»

Sansovini rifiuta il Teramo. Per lui un ruolo dirigenziale?

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

199






PESCARA. Fase interlocutoria e di esplorazione nel mercato del Pescara che prosegue l'attenta ricerca di 2 difensori e una punta da affidare al tecnico Massimo Oddo. Nel frattempo la squadra dopo i test atletici di domenica ha ufficialmente iniziato la nuova stagione. Convocati per il ritiro di Palena i portieri Bizzarri, Aresti, Fiorillo e Aldegani (fresco di rinnovo contrattuale, ndr); i difensori Zampano, Vitturini, Maloku, Campagnaro, Coda, Fornasier, Zuparic, Diallo, Mazzotta, Biraghi e Crescenzi; i centrocampisti Bruno, Brugman, Cristante, Selasi, Benali, Memushaj, Bulevardi, Verde e Del Sole; gli attaccanti Nicastro, Caprari, Mitrita, Forte, Cocco, Manaj e Di Massimo.

«Verre non si muove da Pescara, è un giocatore importante per noi e per lui è stato fatto un sacrificio importante da parte della società» – parole e musica di Luca Leone, nuovo Dg del Pescara dopo l'allontanamento nelle scorse settimane di Giorgio Repetto – «stiamo cercando un difensore e un attaccante di categoria che possano dare una mano importante ad un gruppo già formato. Il ritorno di Mandragora? Stiamo lavorando ma al momento è presto per capire. La volontà del ragazzo è quella di giocare».

In uscita invece a sorpresa è saltato il trasferimento di Marco Sansovini al Teramo. L'attaccante, dopo attenta riflessione ed una buona stagione passata alla Cremonese, ha rifiutato il sodalizio biancorosso in attesa di un'offerta più interessante. L'ex Grosseto in ogni caso non rientra nei piani tecnici di Oddo (che lo ha escluso dalla lista convocati per il ritiro estivo, ndr), ma nelle prossime settimane potrebbe anche appendere le scarpe al chiodo per un incarico dirigenziale ancora da definire.

Resta per il momento anche Mitrita, in attesa di un collocamento dopo le richieste ufficiali avanzate nelle settimane scorse dall'Avellino.


Andrea Sacchini