SERIE B

Delfino Pescara. Oddo contro Baroni: «nessuna sfida. Il nostro calcio è diverso»

Domani alle 18,30 l'andata play-off col Novara. Mercato: Lapadula al passo d'addio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

107




PESCARA. A meno di 24 ore dall'andata della semifinale play-off a Novara sono quasi mille i biglietti di settore ospiti venduti. Una cifra ragguardevole considerata la distanza dalla città piemontese, che garantirà sostegno caloroso e rumoroso all'undici di Oddo. Si gioca domani (domenica, ndr) alle ore 18,30 al Piola, con il Delfino che avrà il grande vantaggio di potersi accontentare di 2 risultati su 3. Oddo però nella consueta conferenza stampa della vigilia ha voluto tenere altissima la tensione: «non faremo nessun calcolo. Come sempre andremo in campo per vincere senza pensare che abbiamo 2 risultati su 3 a nostro vantaggio. Partiamo favoriti rispetto al Novara per la posizione di classifica e per le caratteristiche e la forza della mia squadra. Possiamo arrivare fino in fondo. C'è entusiasmo intorno a questa squadra e sono contento per questo. Sono convinto che in questi play-off faremo grandi partite».

«La mia sfida con Baroni» – prosegue Oddo – «nessuna sfida, alla fine conta sempre chi vince. Abbiamo solamente 2 modi diversi di intendere il calcio».

È tornato dal ritiro con la propria Nazionale Memushaj, che sarà regolarmente in campo dal primo minuto: «non ho ancora scelto la formazione. Sono preoccupato solo dalle condizioni fisiche di Campagnaro che si è allenato bene ma è ancora un po' indietro di condizione».

Nel mentre la squadra prepara il rush finale della stagione nella speranza di centrare l'obiettivo della A sfuggito l'anno scorso per una mera questione di centimetri (traversa a Bologna nel finale, ndr), nella stanza dei bottoni già si pensa al mercato. Come confermato negli ultimi giorni dallo stesso patron Daniele Sebastiani, Lapadula certamente lascerà il Delfino in ogni caso. Servono soldi freschi per ripianare il buco di bilancio e soprattutto per garantire al sodalizio pescarese un futuro stabile e l'ennesima rivoluzione tecnica dell'anno prossimo. Come l'ex Teramo, ambito in Italia da Napoli, Lazio e Genoa e all'estero dal Leicester, anche Caprari saluterà. Probabile destinazione Juventus nell'immediato prima di essere girato in estate in prestito altrove. Magari a Pescara qualora l'undici di Oddo dovesse centrare la Serie A. Per il resto tante operazioni minori in cantiere, con il grosso del mercato in entrata che entrerà nel vivo solo dopo la fine dei play-off.


Andrea Sacchini