SERIE B

Delfino Pescara. Ricapitalizzazione: sì anche da Iannascoli. Marinelli pres. onorario

Il club biancazzurro fa ricorso contro la squalifica di 4 giornate a Benali

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

155






PESCARA. Il Pescara in situazione di estrema emergenza indisponibili continua la preparazione in vista del match di domani con l'Avellino. I 3 punti con il Como, più che per la prestazione, sono stati importanti come ammesso dal tecnico Massimo Oddo soprattutto per la classifica e per il morale. Del resto dopo 9 partite consecutive senza vittoria (con tanti indisponibili, ndr) era difficile aspettarsi qualcosa di più del semplice risultato dai biancazzurri. Con gli irpini mancheranno sicuramente gli infortunati Coda, Mazzotta, Crescenzi e Campagnaro e gli squalificati Zuparic, Torreira e Benali. Proprio su quest'ultimo il Delfino ha deciso di inoltrare ricorso contro le 4 giornate di squalifica, ritenute eccessive malgrado la reazione spropositata (definita indifendibile da Oddo, ndr) nel post gara col Como.

Spazio dunque domani a Mandragora e Fornasier (unico centrale di ruolo rimasto, ndr) nel mezzo con Vitturini e il rientrante Zampano sulle corsie esterne. A centrocampo sicuri del posto Verre e Memushaj (qualche piccolo problema per lui in settimana ma stringerà i denti, ndr) con Selasi e Bruno in ballottaggio per l'ultima maglia disponibile. In attacco Caprari e Verde fungeranno da appoggio a Lapadula.

Malgrado l'imminenza dell'impegno al Partenio, in casa Pescara a tenere banco è soprattutto il discorso societario. Dopo il no del Tribunale per le Imprese de L'Aquila alla richiesta dell'ex Ad Danilo Iannascoli di bloccare il cda fino a nuovo ordine, i soci del Delfino hanno effettuato ieri in serata come previsto una ricapitalizzazione di circa 2 milioni di euro a copertura delle perdite di esercizio. Un po' a sorpresa ha ricapitalizzato anche Danilo Iannascoli. È stato infine eletto presidente onorario Vincenzo Marinelli.


Andrea Sacchini