SERIE B

Delfino Pescara. Oddo allenta la pressione sul Pescara: «sconfitte? Colpa mia...»

Out Coda e Campagnaro la società pensa allo svincolato Diamoutene

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

58






PESCARA. «La responsabilità di questo momento è tutta mia». È il duro commento del tecnico del Pescara Massimo Oddo, che nella consueta conferenza stampa di inizio settimana ha forse voluto sollevare la squadra da ulteriori pressioni e responsabilità dopo gli ultimi brutti risultati. Scelta saggia del mister, ben consapevole degli evidenti limiti caratteriali di una squadra sì forte sulla carta ma altrettanto fragile dal punto di vista mentale. Le sette gare consecutive senza vittoria (4 pareggi e 3 sconfitte, ndr) hanno infatti minato le certezze di un gruppo che fino a poche partite fa pensava addirittura alla Serie A diretta. Gli ultimi disastri (soprattutto difensivi, ndr) combinati con Pro Vercelli e Novara invece hanno buttato giù dalle nuvole i biancazzurri, costretti già dal match di domenica a Crotone a ritrovare lo smalto perduto.

Oddo però, almeno a parole, non sembra affatto preoccupato: «sono fiducioso, questo sì. Nonostante i risultati non sono dalla nostra parte, ho visto in queste partite una squadra sempre viva che non ha mai rinunciato alla propria idea di calcio. Il vero problema in questo momento sfortunato è che dobbiamo creare 4 palle gol per realizzarne una. Ai nostri avversari invece serve molto meno...».

La “colpa” di questa fragilità estrema in fase di non possesso del pallone non può certo essere addossata all'avversario di turno: «ci facciamo male da soli. Abbiamo concesso poco o nulla al Novara. Siamo stati puniti da 2 situazioni incredibili nonostante i ragazzi abbiamo disputato una gara tatticamente perfetta. Il Pescara si riprenderà molto presto».

Negli ultimi giorni sono circolate voci di una lite all'interno dello spogliatoio tra alcuni giocatori (Memushaj e Cocco, ndr) e il tecnico: «sono voci assolutamente infondate. Il gruppo è molto unito e lo si vede dall'atteggiamento in campo sempre voglioso».

Nel frattempo dall'infermeria giungono buone notizie per il tecnico pescarese. Crescenzi e Verre infatti sono tornati ad allenarsi con gruppo e con ogni probabilità entreranno almeno nella lista convocati. Sicuramente out Coda (ne avrà per un paio di mesi, ndr) e Campagnaro, la cui situazione al momento è avvolta nel mistero. A giorni infine, visti gli infortuni a catena e l'elevato livello di incertezza del pacchetto di difensori a disposizione di Oddo, dovrebbe essere tesserato Diamoutene. Il difensore maliano da diverse stagioni non gioca più ad alti livelli e sono molte anche le perplessità legate alla sua condizione atletica. Lo stesso Oddo, nei giorni scorsi, aveva ammesso che Diamoutene non rientrava nei piani tecnici del club.


Andrea Sacchini