SERIE B

Virtus Lanciano. Maragliulo vuole continuare a stupire: «a Salerno una bella gara...»

Pochi i cambi rispetto al successo col Brescia: «torna il capitano dall'inizio»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

68






LANCIANO. Dopo mesi bui la Virtus Lanciano nelle ultime settimane ha iniziato ad intravedere la luce fuori dal tunnel. L'avvento di Primo Maragliulo ha portato entusiasmo, risultati e punti e ha scosso (in positivo, ndr) l'ambiente rossonero, depresso da una lunga serie di vicissitudini sportive e societarie. Dopo il successo interno di sabato col Brescia, per la Virtus è tempo di centrare un'altra impresa nel match di domani a Salerno. La squadra, dopo l'allenamento di rifinitura, è partita alla volta della Campania con il recuperato Cragno.

«Mi aspetto una partita combattutissima dal primo all'ultimo minuto» – ha dichiarato alla vigilia proprio il mister dei frentani – «sia per le caratteristiche delle 2 squadre in campo sia per la grande importanza della posta in palio. Sia il Lanciano sia la Salernitana lottano per lo stesso obiettivo e anche se sono nei bassifondi della classifica, stanno attraversando un buon momento di forma e risultati. Noi abbiamo fatto bene e vinto col Brescia, ma anche la Salernitana ha espugnato Cesena. 3 punti che hanno dato loro entusiasmo e voglia di credere nella salvezza diretta».

Dopo il turno infrasettimanale della settimana scorsa che ha obbligato il mister a mischiare le carte in tavola, a Salerno dovrebbe vedersi a grandi linee la stessa squadra che ha ben figurato al Biondi col Brescia: «l'unico cambio dovrebbe essere Aquilanti che è rientrato dalla squalifica. Per il resto cercheremo di cambiare il meno possibile anche se ovviamente non ho ancora sciolto tutti i dubbi. Il Lanciano è stanco? Fortunatamente la scorsa settimana siamo riusciti a gestirci molto bene, centellinando le forze e finendo la gara col Brescia senza grandi difficoltà».

«I ragazzi mi stanno sorprendendo» – chiude Maragliulo – «soprattutto dal punto di vista fisico e della partecipazione. Si è costruito un gran gruppo e vogliamo continuare con il buon lavoro fatto fin'ora».


Andrea Sacchini