SERIE B

Virtus Lanciano. Tanti punti e sorrisi in poche settimane. Di Matteo: «avanti così»

Con il tecnico Maragliulo i frentani sono tornati in corsa per la salvezza

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

59


LANCIANO. In clima di grande entusiasmo la Virtus Lanciano dopo il successo meritato col Brescia ha messo nel mirino la Salernitana, capace nel posticipo di espugnare 2-1 il Manuzzi del Cesena. Le buone notizie per il tecnico Primo Maragliulo giungono dall'infermeria. Cragno infatti, protagonista di un campionato fin qui meraviglioso con la maglia rossonera, pur avendo recuperato dalla botta di sabato non è stato rischiato in allenamento. Lavoro differenziato per Salviato mentre King non si è allenato per un guaio muscolare.

«È stata una partita sofferta ma una vittoria fortemente voluta e meritata» – ha raccontato soddisfatto e felice per i 3 punti il difensore della Virtus Lanciano, Luca Di Matteo – «siamo stati compatti, cattivi e aggressivi e abbiamo riportato a casa 3 punti fondamentali per noi, per la classifica e per il morale. La sofferenza finale inoltre ha dimostrato ancor di più la forza e la caparbietà di questo Lanciano».

Nelle prossime 3 partite i rossoneri si giocano una buona fetta di salvezza. Prima la trasferta difficile di Salerno, poi 2 gare consecutive al Biondi con Cesena e Perugia. Tutt'altro che avversari materasso nella lotta alla permanenza in Serie B: «per noi ogni partita sarà una finale. Cercando di fare del nostro meglio e riportare a casa più punti possibile. Ogni partita per noi è fondamentale».

La cura Maragliulo dopo un periodo difficilissimo a livello societario e di risultati ha portato sorrisi e soprattutto punti: «sono cambiati soprattutto i risultati. I numeri sono dalla parte del mister. Noi però siamo sempre andati in campo e dato il massimo. In questo momento siamo trascinati dall'entusiasmo e tutto è più facile rispetto a qualche tempo fa».

«Ci stiamo adattando bene al modulo e a cosa vuole il tecnico» – chiude Di Matteo – «il mio rendimento? L'importante è sempre il gruppo e il bene della squadra».


Andrea Sacchini