SERIE B

Virtus Lanciano. Maragliulo esalta la forza del gruppo: «diamo sempre l'anima in campo»

Domani a Como scontro diretto da non fallire: «fondamentale non perdere...»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

72






LANCIANO. Battere il ferro finché è caldo. L'impresa di sabato col Bari ha caricato a mille l'ambiente rossonero, che nel turno infrasettimanale di domani sera chiede all'undici di Maragliulo l'ennesimo scatto di orgoglio (e soprattutto punti, ndr) in vista del rush finale della stagione. Avversario della Virtus Lanciano il Como, reduce da 2 ko consecutivi e che non assapora la gioia dei 3 punti da ben 6 turni (1-0 sul Perugia in casa, ndr). Vero e proprio scontro diretto nei bassifondi della classifica, per la Virtus è comunque una ghiotta occasione per mettere per la prima volta il naso fuori dalla zona play-out dopo mesi di delusioni e bocconi amari.

Dopo aver rischiato di naufragare nei primi 45 di gioco, i frentani sono scesi in campo nella ripresa con tutt'altra mentalità fino ad ottenere 3 punti di capitale importanza nella lotta scudetto. Il pensiero di mister Primo Maragliulo: «è stata una partita equilibrata e sofferta. Ho visto un Lanciano volitivo che ha approcciato bene la partita, nonostante un primo tempo sofferto dove il Bari ha creato più occasioni da gol. Questi ragazzi vanno ringraziati. Danno l'anima ogni domenica e ottengono questi risultati grandissimi con impegno e merito. Chissà se più in là riuscirò a dare una fisionomia di gioco ben precisa. Per adesso prendiamoci i punti, che per la salvezza sono la cosa più importante».

Domani nel turno infrasettimanale della B, match da non fallire a Como: «abbiamo partite ravvicinate e qualcuno avrà bisogno di recuperare. C'è bisogno del massimo da parte di tutti. Martedì ci aspetta una partita importantissima per il futuro. L'obiettivo di chiunque è vincere. Il Como è all'ultima spiaggia, noi faremo altrettanto».

«Visto il periodo positivo» – chiude il tecnico della Virtus Lanciano – «la priorità sarebbe quella di non perdere».


Andrea Sacchini