CALCIO

Delfino Pescara. Movimenti in entrata e uscita. In Domizzi, out Bunoza

Il 6 gennaio la ripresa degli allenamenti in vista del Livorno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

213


PESCARA. In attesa della ripresa del campionato fissata per il 16 di gennaio (con il Livorno allo stadio Adriatico, ndr), prime importanti manovre in entrata e in uscita per il Pescara. Come mormorato nelle scorse settimane, Bunoza ha rescisso il contratto che lo legava al Delfino. Il centrale bosniaco, che ha giocato titolare con la Pro Vercelli tempo fa, nei prossimi giorni si trasferirà con ogni probabilità in Romania o Polonia. La sua cessione libera un posto nella lista degli under 23, che potrebbe essere occupato da Maurizio Domizzi. Proprio l'ex Napoli è l'obiettivo numero uno per rinforzare il pacchetto arretrato biancazzurro. La trattativa per portarlo in riva all'Adriatico a titolo definitivo è a buon punto (è legato fino a giugno all'Udinese che non opporrebbe alcuna resistenza alla sua cessione a titolo gratuito, ndr) e anche il procuratore nelle ultime ore si è sbilanciato circa le possibilità di vederlo a breve in biancazzurro. Non solo Domizzi in entrata per il Pescara che cerca anche un esterno d'attacco (difficili Piccolo e Verde, possibile Zito) e una punta qualora Cocco decidesse di cambiare aria per ritornare a Vicenza.

Intrigo H'Maidat. Il giocatore è in procinto di trasferirsi al Pescara a titolo temporaneo fino a giugno dopo l'acquisto da parte della Roma dell'intero cartellino del giocatore. Il Brescia, però, farà di tutto per trattenere il giovanissimo centrocampista marocchino fino al termine della stagione.

La squadra nel frattempo riprenderà gli allenamenti il giorno della Befana in vista della ripresa del campionato fissata per il 16 gennaio. Il Delfino ospiterà allo stadio Adriatico il Livorno orfano di Memushaj, squalificato per un turno dal giudice sportivo dopo la follia di Latina. Per il resto nessun problema per Massimo Oddo, che valuterà le condizioni psicofisiche dei giocatori una volta rientrati dalle vacanze natalizie.

Andrea Sacchini