Rugby. Altra sconfitta per L'Aquila a Piacenza. Gran Sasso: nuova vittoria!

Il quindici di Rotilio espugna con merito Roma e si rilancia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

26

ABRUZZO. L'Aquila Rugby Club perde nel finale la sfida con i Lyons Piacenza, valevole per il settimo turno del campionato italiano d'Eccellenza. Cornice delle grandi occasioni al Fattori, che ha tifato per tutti gli ottanta minuti il XV neroverde. A fine gara dura contestazione del pubblico alla terna arbitrale: cori contro l'arbitro e la sicurezza che a stento riesce a contenere il pubblico all'ingresso del rettangolo di gioco, critico contro alcune scelte dubbie soprattutto nel secondo tempo.

L'Aquila entra in campo aggressiva e nel primo quarto d'ora domina il possesso, andando sul 6-0 grazie a due calci piazzati – frutto dei crolli in mischia chiusa dei Lyons – ad opera di Alberto Bonifazi, schierato oggi all'ala. I neroverdi spingono forte con il pack e rubano tre touche, ma nella seconda metà del primo tempo gli emiliani prendono coraggio, grazie alle penetrazioni di Samuel Ward – tra i migliori in campo – e segnano una meta tecnica. Alla mezz'ora è il momento peggiore per L'Aquila, che marca meta proprio con Ward per il 6-14. Il primo tempo si chiude con il terzo piazzato di Bonifazi e porta le squadre negli spogliatoi sul 9-14, non prima di un'altra punizione, fallita allo scadere di tempo.

Nella ripresa la gara si fa più confusa, anche per la voglia delle squadre in campo di portare a casa la vittoria. I neroverdi lasciano troppi break agli avversari, che si portano in attacco e permanendo a lungo nella ventidue aquilana, e andando in meta con la spinta in mischia. Un'altra punizione, però, porta il risultato sul 9-22. Nel momento del divario più ampio L'Aquila inizia a percuotere con pack e nel gioco alla mano. Al 65' bell'azione dei tre quarti neroverdi, con la palla che arriva all'esordiente Gianmarco Cialente, aquilano classe 1996, entrato qualche minuto prima, che marca la sua prima meta in Eccellenza.

Il finale è convulso, con una meta annullata all'Aquila per un avanti, una punizione – criticata dagli spalti – centrata da Thrower nel finale e la meta negli ultimi minuti di Danie Faasen. L'Aquila non riesce a vincere ma conquista il primo punto.

La squadra è molto giovane ed è in crescita. Il campionato sarà difficile e lungo, e servirà tutta la determinazione del gruppo per rimanere nel massimo campionato italiano di rugby.

GRAN SASSO: IMPRESA A ROMA

Con tre mete di Andrea Lofrese e una segnatura di Luca Angelone la Gran Sasso Rugby vince a Roma, 20 a 12  conquistando il bonus, e recupera punti in classifica utili per la qualificazione al girone playoff. " In settimana  - ha commentato il capitano degli abruzzesi, Daniele Giampietri -, abbiamo lavorato duro per vincere questa partita sia per dare continuità ai nostri risultati positivi sia - ha concluso Giampietri - per arrivare più sereni alla partita di domenica prossima contro la Primavera". " Oggi - ha sostenuto il direttore generale dei grigiorossi, Pierfrancesco Anibaldi -,  era importante vincere per scalare la classifica e cercare di recuperare i punti persi ad inizio anno, domenica prossima - ha specificato Anibaldi  - incontreremo una squadra in un'ottima condizione di forma, ma per noi l'unico risultato rimane la vittoria". Nel frattempo, la squadra e la società festeggiano la nascita di Dalila, figlia del pilone Aldo Colaiuda.