SERIE A

Serie A. Zeman punzecchia i suoi giocatori: «tatticamente non ci siamo...»

Domani i biancazzurri faranno visita all'Atalanta. Gioca Muntari

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

179




PESCARA. Far passere in maniera indolore questo finale di stagione e programmare fin da subito la prossima cadetteria. È il leitmotiv di casa Pescara alla vigilia dell'ennesimo turno di campionato che si potrebbe riservare l'ennesima amarezza ai colori biancazzurri.

A meno di miracoli clamorosi nelle ultime giornate, per il Delfino la strada della Serie B è già segnata. Va però preservato l'onore a partire dal match di domenica pomeriggio all'Atleti Azzurri d'Italia con l'Atalanta, reduce da uno storico 7-1 subito nell'ultimo turno a San Siro con l'Inter.

«L'Atalanta è partita male ad agosto ma poi col lavoro e con diverse buone prestazioni si è ripresa» – Ha dichiarato ieri Zdenek Zeman nell'inedita conferenza stampa pre-gara anticipata al venerdì – «ora sono reduci dalla pesante sconfitta con l'Inter e la loro voglia di rivalsa potrebbe essere un problema per noi. Hanno un grande settore giovanile e giocatori di categoria come Gomez, che in Serie A è in grado di fare la differenza».

Prevista qualche novità di formazione. Fuori per squalifica Bruno, con Caprari e Bahebeck a mezzo servizio, il tecnico boemo potrebbe lanciare dal primo minuto Muntari, in gol domenica scorsa con l'Udinese: «molto dipenderà dall'assetto tattico dell'Atalanta. Muntari è una possibilità concreta così come Brugman. Muntari ha vinto un triplete non a caso, riesce a dare la carica giusta ai compagni e può essere una guida in campo. Speriamo che i giocatori lo seguano. Mitrita e Memushaj sono a disposizione. Bahebeck? Deve ritrovare continuità, è un buon giocatore ma deve muoversi di più in campo».

«Andremo a Bergamo per fare la nostra partita» – chiude Zeman – «ma dobbiamo dare qualcosa di più tatticamente».

Nel 4-3-3 di partenza, davanti a Bizzarri agiranno Zampano, Coda, Bovo e Biraghi. A centrocampo Muntari in cabina di regia con Verre e Memushaj mezze ali. In avanti Benali, Cerri e Mitrita (in vantaggio su Bahebeck e Kastanos).

Nelle fila nerazzurre, l'unico ballottaggio riguarda Mounier-D'Alessandro (favorito il primo) per affiancare Gomez e Petagna nel tridente d'attacco. A centrocampo spazio a Conti, Freuler e Spinazzola.


Andrea Sacchini