IL FENOMENO

Michele Di Toro incanta il pubblico a ‘Tu sì que vales’

Il musicista abruzzese al programma di Canale 5

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3555

 

TELEVISIONE. Ha incantato il pubblico e convinto, con la sua maestria e umiltà, anche lo scettico giudice Rudy Zerbi secondo cui era solo «uno dei tanti bravi».

Michele Di Toro, 42 anni originario di Sant’Eusanio del Sangro, pianista abruzzese molto noto in regione, ha tentato il salto televisivo partecipando alla trasmissione del sabato sera ‘Tu si que vales’ ed ha fatto centro.

Si è presentato con una esecuzione di tre minuti durante i quali ha fuso ‘Per Elisa’ di Beethoven, ‘La Stangata’ di Joplin e ‘Caruso’ di Lucio Dalla’. Applausi del pubblico e 3 ‘sì’ da parte dei giudici Maria De Filippi, Teo Mammucari e Jerry Scotti.

«E’ bravo ma è uno dei tanti», ha commentato invece il giudice Zerbi.

Sebbene i tre voti bastassero per far qualificare Del Toro, la De Filippi, che  fin da subito ha intravisto in lui qualcosa di straordinario ha spronato il musicista abruzzese a contestare il giudizio di Zerbi.

Ma Di Toro ha ammesso di accettare il suo parere: «evidentemente ha ascoltato altri bravi pianisti, perché ce ne sono tanti».

Ma la presentatrice ha voluto che il maestro sciorinasse il suo curriculum e così è stato. Il musicista ha raccontato dei suoi 8 anni in conservatorio di Pescara  (con lode e menzione speciale) , gli studi a Parigi e Milano, i corsi di perfezionamento, quelli con Franco Cerri, l’innamoramento per il jazz a soli 13 anni, le tournè musicali in giro per l’Europa.

Poi un’altra esibizione, su richiesta di tutti i giudici. Di Toro si è rimesso al piano per suonare «Chopin che diventa Walt Disney». Così ‘Il Notturno’ è diventato ‘La Bella e La Bestia’.

Al suo fianco anche il giudice Zerbi che alla fine si è dovuto ricredere. Ha chiesto scusa è ammesso: «sì, per me vali».

Di Toro ha convinto anche la giuria popolare presente in studio con il 96% dei voti positivi.

Sabato prossimo proprio il pianesta abruzzese (ma questo in tv non l’ha detto) sarà insignito della nomina ad Ambasciatore di Pace della International University of Peace.