SERIE A

Il Pescara tira un sospiro di sollievo. Confermato lo 0-3 a tavolino col Sassuolo

La Corte Sportiva d'Appello ha rigettato il ricorso dei neroverdi. Il Delfino resta a 6 punti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

179


PESCARA. Non è certo il miglior momento della stagione, ma per il Pescara ieri dal giudice sportivo è arrivata una notizia di importanza fondamentale per la classifica e soprattutto per il morale. La Corte Sportiva di Appello Nazionale infatti ha confermato il primo verdetto del giudice sportivo che aveva inflitto lo 0-3 a tavolino al Sassuolo in occasione del match vinto sul campo 2-1 col Pescara. Rigettata in pieno e senza punti di penalizzazione la richiesta del sodalizio emiliano, che non aveva inviato per tempo via PEC la communicazione alla Lega del tesseramento di Ragusa e del suo successivo inserimento dei 25 per il campionato. Una svista clamorosa che è costata (giustamente per il regolamento in atto da quest'anno e ben conosciuto da tutte le squadre di Serie A e B, ndr) ben 3 punti al Sassuolo. Il club di Squinzi a questo punto presenterà appello all'ultimo grado di giudizio, quello del Collegio di Garanzia del CONI.

Per il momento però il Delfino tira un sospiro di sollievo e resta a 6 punti, al momento fuori dalla zona calda della classifica.

Nel frattempo la squadra prosegue la preparazione in vista del match di sabato prossimo allo stadio Adriatico contro la Sampdoria. Il match, considerata la lunga serie di risultati negativi dei doriani, è un vero e proprio scontro diretto per la salvezza.

«Siamo un bel gruppo, in campo ci divertiamo» – ha detto in conferenza stampa Crescenzi – «ci mancano solo alcuni risultati che arriveranno quanto prima. Di questo sono convinto anche perché la prestazione non è mai mancata. Un giudizio sulla mia stagione? Siamo agli inizi ma io sono molto attaccato a questa maglia. Farò di tutto per aiutare il Pescara e rifarei questa scelta altre mille volte».

Nonostante un buon gioco, il Delfino sta trovando parecchie difficoltà a trovare la prima vittoria sul campo: «sappiamo che la serie A è questa, al primo errore vieni punito senza pietà. Dobbiamo essere più concentrati, più cattivi. Proprio come è stato il Chievo Verona a Pescara. Forse ci manca un po' di esperienza, ma troveremo la quadratura giusta molto presto».

Oggi amichevole allo stadio contro la Primavera con ingresso libero. Sarà una buona occasione per Oddo per testare le condizioni dei suoi e soprattutto di Bahebeck, che con la Sampdoria potrebbe addirittura trovare una maglia da titolare stante gli infortuni di Pepe e Manaj.


Andrea Sacchini