SERIE A

Delfino Pescara. Si ferma anche Manaj. Oddo ora non ha proprio punte...

L'albanese fermo 20 giorni. Bahebeck e Pepe non sono ancora pronti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

960




PESCARA. Piove ancora sul bagnato in casa Pescara. Come se non bastasse la lunga striscia di partite senza vittorie (lasciando da parte quella ottenuta a tavolino col Sassuolo, ndr), a peggiorare la situazione e il morale di Oddo nelle ultime settimane ci hanno pensato gli infortuni. Prima in difesa (out a turno Coda, Gyomber, Zampano e Zuparic, ndr) e ora in attacco, con Manaj che dovrà stare fermo una ventina di giorni per un guaio muscolare. Fuori il giocatore albanese, con Pepe e Bahebeck sulla via del recupero ma difficilmente rischiabili nel match con la Sampdoria di sabato 15 ottobre, il tecnico pescarese sarà costretto gioco forza a riproporre il 4-3-2-1 che ha iniziato con alterne fortune questa stagione: gioco gradevole, possesso palla di qualità ma pochissimi sbocchi offensivi, con Caprari spesso e volentieri troppo isolato davanti.

«Con il Chievo al di là dei discorsi legati alla pericolosità offensiva non siamo stati una squadra» – ha ammesso in conferenza stampa il tecnico del Pescara, Massimo Oddo – «la realtà della Serie A è questa. Meno si sbaglia è più opportunità ci sono di portare a casa punti preziosi per la salvezza. Abbiamo fatto una buona partita poi ci è mancata esperienza nel finale. Purtroppo non riusciamo a capire bene i momenti della partita. Siamo però mancati nello spirito di squadra. Se pensiamo di poter risolvere le partite con giocate individuali non andremo lontani».

Il timore ora è quello di un contraccolpo psicologico importante. In queste settimane Oddo dovrà lavorare e molto sull'aspetto psicologico dei propri ragazzi: non temo nessun contraccolpo. Abbiamo vissuto momenti peggiori o semplicamente negativi anche l'anno scorso in Serie B e ne siamo sempre usciti alla grande. Dobbiamo credere in quello che facciamo, ci sarà da lottare fino alla fine e l'ambiente è giusto che sappia questo. Dobbiamo mantenere le nostre sicurezze»

Tre giorni di riposo concessi dal mister ai biancazzurri che torneranno ad allenarsi domani alle ore 15,30 in vista del match con la Sampdoria previsto dopo il weekend di sosta per le nazionali. Sabato sgambata pomeridiana allo stadio Adriatico contro la Primavera con ingresso naturalmente libero. Da monitorare le condizioni di Pepe e Bahebeck, con Oddo che spera di recuperare per la panchina almeno il secondo.


Andrea Sacchini