CALCIO

Serie A. Tanti nomi ma poche conferme. È ancora presto per il mercato del Pescara

In entrata si punta soprattutto alle conferme di Torreira, Verre e Crescenzi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

223




PESCARA. Esauriti i giorni di giubilo per la conquista della Serie A, per il Pescara è ormai tempo di tuffarsi nella nuova realtà della Serie A. Prima di conoscere i calendari e dunque il debutto nella massima divisione, in seno al club si pensa alla campagna acquisti. I dirigenti, dopo la disastrosa esperienza di 3 anni chiusa battendo ogni record negativo, non vogliono ripetere gli stessi errori e già da ora stanno sondando il mercato a caccia di elementi validi che sappiano coniugare esperienza e qualità. L'obiettivo di Sebastiani (sempre avendo un occhio di riguardo al bilancio, ndr) è quello di aprire un ciclo vincente che consenta (cosa accaduta soltanto sul finire degli anni '80, ndr) di mantenere il Delfino in pianta stabile in Serie A, evitando il cosiddetto ascensore tra massima divisione e cadetteria. Servono rinforzi soprattutto in difesa. Già da giorni circolano i nomi più disparati ma la sensazione è che la dirigenza voglia aspettare almeno metà luglio prima di muoversi con convinzione. Prima di tutto infatti ci sono da sistemare i nodi legati ai tanti prestiti di giocatori che hanno contribuito in maniera determinante alla promozione. Su tutti Verre e Torreira. Il primo, che piace tantissimo alla Fiorentina, è di proprietà dell'Udinese che vuole assolutamente monetizzare dalla sua cessione. Il Pescara, che non è in grado di investire cifre importanti malgrado la quasi certa partenza di Lapadula per un incasso che oscilla tra i 12 e i 15 milioni di euro, spera in un altro prestito. Speranze ben riposte anche per Torreira (il cui cartellino è della Sampdoria, ndr), che in ogni caso completerà il ritiro precampionato con Montella.

Più facile la conferma di Crescenzi, che non rientra nei piani tecnici del Novara. In uscita dovrebbe rimanere almeno per un'altra stagione Vitturini, ambito da diversi club di grande caratura internazionale. Tutto bloccato invece per quanto riguarda Lapadula. Il bomber dell'ultima Serie B piace a Sassuolo (in caso di cessione di Berardi, ndr), Juventus e Napoli. I bianconeri offrono meno dei partenopei ma potrebbero inserire nella trattativa il prestito di Mandragora per un'altra stagione e di qualche altro giocatore.


Andrea Sacchini