LA FESTA

Serie A. Il Pescara tra festeggiamenti e futuro. Tenere Verre è la priorità

Lapadula sempre più vicino al Napoli. Riscattati Fiorillo e Benali

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

435






PESCARA.Pescara sabato pomeriggio è stata letteralmente paralizzata dalla festa dei tifosi biancazzurri per la promozione del Delfino in serie A.

Nell'ambito della 'notte biancazzurra', manifestazione organizzata dal Comune, c'è stato il saluto della squadra ai tifosi attraverso un giro attraverso la città su un autobus scoperto. Migliaia i tifosi che hanno tributato il meritato riconoscimento a Massimo Oddo e i suoi ragazzi, premiati anche dall'Amministrazione Comunale.

Il bus biancazzurro, partito dal piazzale dello stadio Adriatico, ha poi percorso via D'Avalos, spostandosi nella zona ovest della città, arrivando a ponte Capacchietti e poi a Villa Raspa di Spoltore (Pescara), proseguendo per Pescara Colli, via Di Sotto, fino ad arrivare a Montesilvano Colle (Pescara), quindi via Vestina e Corso Umberto, per poi tornare nel territorio comunale di Pescara e spostarsi in Piazza della Repubblica per la "Notte biancazzurra" e la festa con i giocatori del Delfino nel corso della premiazione da parte della Lega di serie B. Imponente lo schieramento di forze dell'ordine con le strade del centro chiuse al traffico.

La folla oceanica che ha invaso il centro cittadino sabato sera per la festa promozione, senza ombra di dubbio ha rappresentato il punto più alto della cavalcata meravigliosa dei biancazzurri verso la massima serie. Nelle stanze dirigenziali però, esauriti questi giorni di giubilo meritato per quanto fatto a tutti i livelli, già si pensa alla prossima Serie A. Nella giornata di ieri è infatti arrivata la prima importante notizia per il Pescara che verrà. Hugo Campagnaro infatti a meno di clamorose sorprese allungherà il proprio contratto col Delfino per almeno un'altra stagione. A confermarlo direttamente sui social network la Liberti e Partners, società che cura gli interessi in Italia del difensore argentino.

Sistemato il terzo tassello per il futuro (i primi 2 sono stati Fiorillo e Benali riscattati rispettivamente per una cifra vicina a 2 e 1 milione, ndr), per il Delfino le prossime settimane saranno decisive anche per la conferma di altri protagonisti della stagione. Su tutti Crescenzi, Verre e Torreira. L'autore del gol che ha dato la certezza della Serie A ai biancazzurri è di proprietà dell'Udinese e resterebbe ben volentieri un'altra stagione in riva all'Adriatico. Il club friulano però, che intende monetizzare dalla cessione del centrocampista come con Zielinski, ha ricevuto richieste anche da Napoli e Fiorentina. Non impossibile invece la conferma di Crescenzi. Sarà difficile infine rivedere Torreira in riva all'Adriatico. Il regista uruguaiano (di proprietà della Juventus, ndr) piace molto a Montella che prima di decidere il suo futuro vorrebbe valutarlo bene nel ritiro estivo.

Capitolo Lapadula. Il giocatore piace a mezza Serie A con Napoli, Juventus, Sassuolo, Genoa e Lazio pronte a fare follie per lui. Al momento i partenopei sembrano in vantaggio (possibile la partenza di uno tra Higuain e Gabbiadini, ndr), ma attenzione a Sassuolo e Genoa che con le possibili cessioni di Pavoletti alla Lazio (18 milioni, ndr) e Berardi alla Juventus (20 milioni, ndr) avrebbero la liquidità sufficiente per tentare l'assalto al capocannoniere della Serie B. In divenire anche la situazione legata alla cessione di Caprari. Sebastiani valuta l'attaccante 4 milioni di euro e su di lui ci sarebbero Genoa e Juventus. Possibile in ogni caso che il giocatorevenga lasciato un altro anno a Pescara per raggiungere completa maturazione.

Dai vari prestiti in giro per l'Italia infine ecco che torneranno il portiere Pigliacelli, i difensori Mignanelli e Pesoli e gli attaccanti Sansovini e Forte. Brugman infine dovrebbe essere riscattato a giorni dal Palermo.


Andrea Sacchini