IL CASO

Torna all’asta la casa di Buttiglione: «lasciatemela»

Per lui negli anni scorsi si erano mobilitati Beppe Grillo e Luigi Di Maio

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1069

 

 

 

PESCARA. Si terrà il prossimo 18 maggio l’ultima asta della casa di Silvio Buttiglione, l'imprenditore "rincorso" da creditori, in particolare da due banche, che ha commosso l'opinione pubblica con la sua proposta di vendere un rene per salvare la sua dimora di Montesilvano.

 

 

 

 

 

A luglio del 2015  il giudice delegato delle esecuzioni immobiliari del Tribunale di Pescara, Tiziana Mataganella, aveva disposto per due anni la sospensione temporanea del procedimento ma adesso si torna in aula.

Il legale dell'imprenditore, l'avvocato Antonello Campanelli, aveva chiesto l'estinzione del procedimento o in alternativa la sospensione, alla luce del deprezzamento dell'immobile, sceso dai 240 mila euro iniziali ai 107 euro dell'ultima asta andata deserta.

I legali delle due banche non si sono opposti all'istanza di sospensione. «Ora avrò  il tempo per raccogliere i fondi per cercare di poter riscattare la casa», diceva Buttiglione due anni fa.

Già nel 2015 grazie all'interessamento di alcuni privati, i difensori di Buttiglione avevano presentato un'offerta di 50 mila euro, che pero' non e' stata giudicata congrua dagli istituti di credito.

A Buttiglione si era interessato anche Beppe Grillo, che venuto a Pescara per la campagna elettorale di tre anni fa, aveva partecipato con lui e con i candidati abruzzesi del Movimento 5 stelle all’asta fallimentare andata deserta.

C’era anche Luigi Di Maio, oggi occupato a formare un governo con la Lega.

 

 

10 ANNI DI INCUBO

La vicenda di Buttiglione, 62 anni, titolare di una impresa di profumerie e un centro di distribuzione, inizia nel 2007 quando la banca gli avrebbe imposto di rientrare da due fidi: uno di 49 mila euro e l'altro di 19 mila. Oltre al provvedimento dell'istituto di credito a suo carico risulta un debito con Equitalia di circa 40 mila euro. Per pagare i debiti Buttiglione in passato si era detto anche disponibile a vendere un rene.

 

Adesso il 18 maggio prossimo l'immobile torna all'incanto, la quinta seduta pubblica dopo che le precedenti sono andate deserte.

Nel frattempo, il valore dell'abitazione si è più che dimezzato, da 240mila a poco più di 100mila. Il Movimento 5 Stelle ha promosso una raccolta fondi per dargli una mano.