IL FATTO

Lanciano. Pacchi sospetti all’assessorato politiche sociali: forse una intimidazione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

231


LANCIANO.  L’allarme è scattato ieri mattina a Lanciano per il rinvenimento di quattro pacchi sospetti su un cornicione dell'assessorato alle Politiche Sociali, dove lavora l’assessore Dora Bendotti.

Le forze dell'ordine hanno disposto l'evacuazione di due palazzi contigui con la fuoriuscita dei dipendenti di tre assessorati e di abitazioni private. L'intervento di sicurezza è scattato intorno alle 10.30, dopo che un dipendente comunale aveva notato gli involucri sopra il cornicione. Sul posto Carabinieri, Vigili del Fuoco e Vigili Urbani che hanno transennato l'area di riferimento Largo Tappia.

Le operazioni di bonifica si sono concluse alle ore 15 e gli artificieri dei carabinieri hanno analizzato i quattro involucri sospetti rinvenuti su un cornicione del palazzo dell'ex Consorzio di Bonifica Frentana che ospita gli assessorati Politiche Sociali e della Casa e Tutela Ambientale, fatti poi evacuare unitamente a quello del Commercio e Turismo, situato nel prospiciente Palazzo De Giorgio, in Largo Tappia.

Alla fine non è stato rivenuto esplosivo ma i pacchi sarebbero stati confezionati e strutturati come le tipiche bombe carta.

Saranno necessari ancora esami di laboratorio.

Le indagini avviate dai carabinieri di Lanciano, diretti dal capitano Massimo Capobianco, sono ora tese ad accertare la natura di quello che è ritenuto essere stato un atto intimidatorio.

L'assessorato più a rischio è infatti quello alle Politiche Sociali più volte fatto oggetto di minacce.

Ma c’è chi non crede alla natura intimidatorio del gesto mentre l’assessore alle politiche sociali della Regione, Marinella Sclocco, ha voluto dare solidarietà alla collega.

 

«Esprimo vicinanza e solidarietà all'assessore Dora Bendotti e al personale dell'assessorato alle politiche sociali del Comune di Lanciano (Chieti) per il gesto intimidatorio messo in atto questa mattina nei loro confronti, già in passato oggetto di minacce», ha detto Sclocco.

«Conosco molto bene l'operato dell'assessore Dora Bendotti e soprattutto la passione che mette in campo per la gestione di uno dei settori più difficili e problematici dell'amministrazione pubblica e sono convinta - aggiunge Sclocco - che questo gesto non fermerà il suo lavoro che quotidianamente si contraddistingue per trasparenza e qualità amministrativa. Ancora una volta bisogna richiamare la necessità di uno scatto della coscienza civile delle nostre comunità contro il ricorso all'intimidazione e contro questi gesti che indeboliscono solo l'operato delle istituzioni».

«ERANO SOLO PALLE DI CARTA»

Carta arrotolata e tenuta ferma con nastro isolante: erano solo palle di carta per giocare gli oggetti sospetti che ieri, a Lanciano, hanno destato preoccupazione nella sede dell'assessorato comunale alle Politiche sociali in largo Tappia, al punto da rendere necessari i controlli degli artificieri. Le avevano confezionate i ragazzi che fino a metà settembre hanno gestito il mercatino del libro usato ubicato proprio sotto gli uffici. I ragazzi stessi hanno testimoniato che avevano trovato questo passatempo mentre presidiavano il mercatino; durante i palleggi gli involucri sono finiti sul cornicione sovrastante. L'indagine è stata subito chiusa dai carabinieri e nessuna denuncia avanzata alla Procura di Lanciano dove, comunque, oggi è stata rimessa una relazione sull'allarme sicurezza scattato ieri.