LA PROTESTA

Metanodotto Snam: comitati cittadini occupano Comune Sulmona

Martedì dovrebbe arrivare il verdetto del Governo

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

97

SULMONA.  I comitati cittadini occupano il comune di Sulmona per dire no alla realizzazione del metanodotto.

Nella tarda mattinata di lunedì, subito dopo un incontro avuto con il primo cittadino del capoluogo peligno, una trentina di persone armate di cartelli di protesta, hanno occupato la sede municipale di palazzo San Francesco.

«Non ce ne andremo fin quando le istituzioni e i politici non diranno al presidente della Regione D'Alfonso di non adottare provvedimenti contrari a quanto deciso dai Consigli regionale e comunale e dalle risoluzioni parlamentari».

A sostenere la battaglia anche  tre consiglieri comunali di minoranza, Alessandro Lucci (Sbic), Mimmo Di Benedetto (Sulmona domani) e Luigi La Civita, (Forza Italia) che hanno occupato il Comune contro la realizzazione della centrale di compressione che si dovrebbe realizzare a Sulmona e del metanodotto a Sulmona.

Sono pronti a marciare sull'Aquila, martedì mattina, dove nella sede regionale si riunirà la Giunta D'Alfonso a poche ore dal verdetto del Governo sulla centrale di compressione a Sulmona, che dovrebbe arrivare nel pomeriggio.

I comitati cittadini insieme agli ambientalisti, ai consiglieri regionali tra cui Pierpaolo Pietrucci presidente della Commissione Ambiente, e all'assessore regionale sulmonese Andrea Gerosolimo (che si sono impegnati in Commissione per impedire che il governatore adotti provvedimenti) «il rispetto di quanto deciso dal Consiglio regionale e comunale e dal parlamento con atti di contrarietà alla centrale e metanodotto. Le ultime 24 ore sono decisive e la nostra azione non è contro il Comune - hanno sottolineato - ma vogliamo che il sindaco chiami subito D'Alfonso per fermarlo».