SCARTATI

Eurobasket 2017, Regione paga 1 milione di euro perché non ha carte per difendersi

Movimento 5 Stelle firma esposto alla Corte dei Conti

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

581

ABRUZZO. Il Movimento 5 Stelle Abruzzo, tramite il deputato Andrea Colletti e il consigliere regionale Gianluca Ranieri, ha presentato un esposto alla Procura della Corte dei Conti per accertare chi siano i colpevoli nei movimenti economici tra l’Ente e la ditta Bertelè Srl, che ha fornito merce ed ha effettuato lavori presso i Palazzetti dello sport di Chieti, Lanciano, Ortona e Vasto in occasione dei Campionati europei di Basket Femminile ed Eurobasket.

La Regione Abruzzo, hanno spiegato i due pentastellati,  si è trovata a dover contrastare le richieste della ditta Bertelè che, a suo dire, era creditrice di cifre oltre il milione di euro. E la Regione in alcuni casi (ben 5 decreti ingiuntivi) non è riuscita a difendersi perché… non aveva la documentazione necessaria per farlo.

 In particolare, la Bertelè, presso il Tribunale di Como ha ottenuto ben 3 decreti ingiuntivi tutti provvisoriamente esecutivi.  Impossibile difendersi anche per il decreto ingiuntivo di Cavazzoni & C. e uno di Floor Service srl .

 La Regione ha quindi dovuto pagare, 1,1 milioni di euro.



 L’INERZIA DEGLI UFFICI?

Dalla lettura di tutta la documentazione i 5 Stelle hanno scoperto che la stessa Avvocatura Regionale ha evidenziato l’inerzia degli uffici preposti nel fornire la documentazione per le relative impugnazioni dei decreti ingiuntivi.

In particolare la grave e perdurante inerzia dei funzionari responsabili del procedimento emergerebbe da una nota del 20 gennaio 2016 del Responsabile del Servizio Sport ed Emigrazione che, sulla vicenda “Campionati Europei di basket femminile Chieti 2007 - Eurobasket 2007” segnalava la sussistenza di «difficoltà oggettive in merito alla ricostruzione e conoscenza adeguata della situazione in considerazione dell’assenza dal servizio, da tempo, dei funzionari e dirigenti coinvolti nel procedimento» aggiungendo, altresì, che «il funzionario dell’Ufficio Sport ed impiantistica (…) dal mese di settembre 2015 risulta assente dal servizio per “Aspettativa”».



LA PROVINCIA SI E’ OPPOSTA

 «La vicenda assume contorni ancora più grotteschi», afferma il deputato Andrea Colletti «poiché altri enti pubblici, in particolare la Provincia di Chieti, destinataria dei medesimi decreti ingiuntivi e con la stessa posizione giuridica della Regione, si è opposta per mezzo del suo avvocato ed è riuscita sia a farsi sospendere l’esecutorietà di tali decreti ma, soprattutto, fino ad ora ha ottenuto ben 2 sentenze positive, facendo risparmiare alla medesima Provincia oltre 1 milione di euro».

Dunque se la Regione Abruzzo si fosse opposta anche agli altri 3 decreti ingiuntivi con grandi probabilità avrebbe evitato di buttare  denaro della collettività?



PAOLUCCI: «MANCANO LE CARTE»

A fare chiarezza in tutta questa situazione è l’attuale assessore allo Sport e al Bilancio, Silvio Paolucci che tenta di ricostruire la vicenda nata e sviluppatasi dieci anni fa, al di fuori dell’arco temporale dell’attuale amministrazione.

Paolucci conferma che la Regione Abruzzo ha effettuato tutti i versamenti ai quali era tenuta nei confronti del Comitato organizzatore dei Campionati europei di basket femminile 2007, nonché del Comune di Chieti.

«L’ente», spiega poi l’assessore, «non ha intrattenuto alcun rapporto giuridico con i fornitori interpellati dal Comitato e dal Comune e, pertanto, non è in possesso della documentazione attestante i pagament»i.

 

Paolucci spiega che i fornitori dell’evento che non hanno ottenuto quanto richiesto per le loro prestazioni hanno citato in giudizio – oltre al Comitato e al Comune – anche la Regione, in qualità di ente membro del Comitato stesso.

«La posizione giuridica dell’amministrazione regionale ha di fatto impedito all’ente di difendersi contro i decreti ingiuntivi richiesti dai fornitori», chiarisce l’assessore, «non avendo a disposizione la documentazione relativa ai pagamenti che avrebbero dovuto essere effettuati dal Comitato e dal Comune».

 

L’esponente della giunta D’Alfonso spiega anche che i creditori del Comitato organizzatore e del Comune hanno agito per escutere coattivamente il solo patrimonio della Regione e non anche quello degli altri membri del Comitato, responsabili in solido. «In tal modo si è verificata una duplicazione dei pagamenti effettuati dall’ente per la stessa causa: una volta in favore del Comitato e del Comune, e un’altra volta in favore dei fornitori non compensati dal Comitato. Sarà cura dell’amministrazione regionale esaminare la rendicontazione del Comitato e del Comune allo scopo di verificare se c’è qualcuno che ha indebitamente percepito – al posto dei fornitori – il pagamento delle somme versate dall’ente per l’evento, ponendo successivamente in essere opportune azioni di indebito arricchimento nei confronti di chi avesse percepito somme senza averne titolo. Ove ciò non fosse possibile, la Regione dovrà agire in rivalsa verso gli altri soggetti solidalmente obbligati (Comitato e Comune)».

 

 

Dal punto di vista giudiziario, l’amministrazione regionale ha presentato opposizione «laddove era in possesso della documentazione fornita dal Comitato, ottenendo la revoca del decreto ingiuntivo presentato dallo studio Ghiretti e associati (315.941,04 euro) mentre resta da definire l’esito della causa con la Bertelè srl (393.296,50 euro). Non è stato possibile opporsi ad altri 5 decreti ingiuntivi (3 di Bertelè srl, uno di Cavazzoni & C. e uno di Floor Service srl) per complessivi 1.177.171 euro a causa della mancanza di documentazione».