RICORSI STORICI

Tar Abruzzo: 2.138 ricorsi pendenti al 31 dicembre 2015

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

163

 

 

ABRUZZO. «La nostra ambizione e' quella di diminuire ulteriormente l'arretrato, costituito da 2.138 ricorsi effettivamente pendenti al 31 dicembre 2015, portando avanti una programmazione frutto di una combinazione sinergica tra cause a trattazione ordinaria di piu' urgente, spedita e/o combinata trattazione, e cause a trattazione normativamente prioritaria, come quelle in materia di appalti e di elezioni».

 Lo ha detto stamani il presidente del Tar per l'Abruzzo, Antonio Amicuzzi, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2016.

«Sono in carica da circa due mesi - ha ricordato il presidente - ma ho gia' avuto modo di avere un sia pure parziale approccio con la realta' locale, in particolare con alcune delle problematiche legate alla ricostruzione, tra le quali spicca il contenzioso legato agli appalti pubblici, che assume particolare rilevanza nell'ambito di quello che e' stato definito 'il piu' grande cantiere d'Europa'. Le non eccessive dimensioni del Tar - ha quindi osservato nella sua relazione Antonio Amicuzzi - costituiscono un indubbio vantaggio, per la vicinanza al territorio di riferimento e, nonostante le difficlta', il Tar e' riuscito nel corso dell'anno 2015 a migliorare la tempestivita' della risposta alle esigenze di giustizia della popolazione per le questioni di piu' rilevante impatto. Le difficolta' che caratterizzano l'attuale situazione sono evidenti in quanto - sia pure in presenza di fattori incoraggianti rappresentato da un arretrato ridotto rispetto a quello della quasi totalita' degli altri Tar oltreche' da un numero di ricorsi definiti nel corso dell'anno 2015 superiore a quello dei ricorsi depositati nel corso dell'anno stesso - non siamo ancora pienamente riusciti a soddisfare l'esigenza del rispetto dei principi costituzionali e internazionali di ragionevole durata del processo».

 Il numero totale dei ricorsi depositati nel 2015 risulta pari a 674, a fronte degli 895 depositati nel 2014, con una diminuzione del 24% rispetto all'anno precedente.

«La parte del leone e' stata rivestita, nel 2015 - ha affermato il presidente del Tar - dai ricorsi in materia di autorizzazioni e concessioni, di edilizia ed urbanistica, di pubblico impiego, di servizio sanitario nazionale e, primi fra tutti, in materia di esecuzione del giudicato, anche se questi risultano comunque in numero inferiore a quelli proposti nell'anno 2014. Risultano lievemente ridotti i ricorsi dei cittadini extracomunitari, forse anche per le sanatorie e la migliore conoscenza nel tempo acquisita da parte dell'Amministrazione della giurisprudenza formatasi in materia. Rari sono i ricorsi dei militari e degli appartenenti alle forze di polizia, anche per le problematiche riguardanti i trasferimenti e il riconoscimento di alcuni benefici. Le questioni ambientali - ha quindi rimarcato il presidente - rimangono importanti, nonostante il loro non rilevante numero».