SERIE B

Delfino Pescara. A Como l'ennesima emergenza. Oddo: «ormai siamo abituati»

Il tecnico spera di recuperare Campagnaro. Altrimenti largo a Bruno difensore

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

92

PESCARA. Nella solita emergenza che prevede gli impegni delle varie nazionali, il Pescara prepara la trasferta di domenica a Como non senza difficoltà. Indisponibili Verre e Mandragora, convocati in Under 21, Oddo dovrà rinunciare anche a Memushaj (convocato con l'Albania e squalificato, ndr) e Fornasier, appiedato per un turno dal giudice sportivo dopo il rosso rimediato sabato scorso con la Ternana. Indisponibile anche Bunoza, la priorità riguarda il recupero anche se difficile di Campagnaro. Se l'argentino dovesse dare forfait, al fianco dell'unico difensore disponibile Zuparic potrebbe giocare Bruno, elemento dalla grande esperienza che però non ha mai ricoperto il delicato ruolo di centrale di difesa.

«Sappiamo che ogni volta che ci sono le nazionali per noi è emergenza numerica ma dobbiamo abituarci» – ha raccontato in conferenza stampa il tecnico del Pescara, Massimo Oddo – «dobbiamo invertire la tendenza che ci ha visto fin qui sempre perdenti e in difficoltà in situazione di emergenza. Il nostro obiettivo è di fare una grande partita col Como. Vogliamo fare risultato e riscattare le 2 sconfitte consecutive».

D'obbligo un passo indietro al match perso con la Ternana: «abbiamo forse pagato un po' di ansia nei primi 20 minuti, poi dopo l'espulsione ho visto una grande reazione della squadra che ha dimostrato di essere viva. Con la Ternana è stata una gara difficile, decisa dagli episodi. Abbiamo iniziato non bene, poi in inferiorità numerica abbiamo giocato e meritavamo anche di più dopo aver creato tante azioni, rischiando poco o nulla».

«Arrabbiato per i gol subiti?» – prosegue Oddo – «è stata anche un po' di sfortuna perché la palla poteva finire ovunque».

Oggi doppia seduta di allenamento al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo.

Andrea Sacchini