Basket. Primo sorriso interno per l'Amatori Pescara. Bisceglie si arrende 78-62

Seconda vittoria consecutiva per il cinque pescarese

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

49

PESCARA. Dopo il brillante successo esterno di Valmontone, per l'Amatori Pescara arrivano anche i primi punti della stagione di fronte al pubblico del PalaElettra. Il sodalizio del presidente Di Fabio piega infatti Bisceglie per 78-62, al termine di una partita molto combattuta per oltre tre quarti, ma risolta con gli ultimi strepitosi dieci minuti in cui è salito nuovamente in cattedra un immarcabile Simone Pepe (27 a referto) assieme ad una difesa cresciuta notevolmente di intensità nel momento decisivo.

Coach Salvemini parte con il quintetto base ormai collaudato in questo avvio di stagione: Rajola in cabina di regia, Pepe e Marco Timperi esterni con Di Donato e Polonara vicino a canestro. I pugliesi, ancora privi di Drigo e Chiriatti, rispondono con Torresi, Gambarota ed il solito assetto con tre lunghi: Zanotti, Listwon e Cecchetti. La partenza è contratta, con entrambe le squadre che faticano a trovare la via del canestro: l'Ambrosia rallenta i ritmi e Pescara impiega qualche minuto per prendere le misure alla gara, ma con le iniziative di Polonara e Di Donato (oltre al buon impatto difensivo di Tabbi) chiude la prima frazione avanti sul 18-15.

Nel secondo quarto, l'ingresso di Buono dà una scossa importante ai pugliesi, che vicino a canestro si appoggiano con profitto al proprio pivot Cecchetti. L'Amatori trovando forze fresche dalla panchina grazie a due buone penetrazioni di De Vincenzo prova un primo tentativo di fuga, ricucito dalla formazione ospite che con la difesa a zona rallenta le offensive biancorosse e sul finire di quarto opera il sorpasso, per il 33-37 con cui le due squadre imboccano il tunnel degli spogliatoi all'intervallo lungo.

Rientrati dal riposo, l'inerzia della sfida non cambia: le due squadre vanno a strappi, alternando momenti positivi all'una ed all'altra formazione. Coach Corvino è costretto a scelte obbligate dal quarto fallo di Listwon, ma con un assetto più piccolo trova comunque buoni risultati, approfittando con Torresi e Gambarota di alcune palle perse dall'attacco pescarese. La reazione dei locali, comunque, non si fa attendere: due triple di Pepe ridanno vigore all'Amatori, unite al buon impatto di Rajola e Di Donato con le due squadre che chiudono in perfetta parità (56-56) la terza frazione.

L'ultimo quarto ha un copione totalmente diverso dal resto della sfida, come testimonia il clamoroso parziale di 22-6 a tabellone: Pescara lo affronta infatti con un'intensità notevole nella propria metà campo, togliendo ossigeno all'attacco di Zanotti e compagni e trovando in fase offensiva le conclusioni dalla distanza del solito Pepe e di un ispirato De Vincenzo, e aumentando progressivamente il proprio vantaggio. Un break che questa volta risulterà fatale ai pugliesi, piuttosto stanchi viste le poche rotazioni a disposizione e travolti dall'intensità del quintetto biancorosso: Pescara viaggia sul velluto chiudendo sul 78-62, punteggio severo nei confronti dell'Ambrosia (valida contendente per oltre tre quarti) ma che non cambia la sostanza di una vittoria meritata e fortemente voluta dalla formazione di coach Salvemini, che ha mostrato il meglio nel momento più delicato della sfida.

La testa è adesso già rivolta al prossimo impegno di Vasto (previsto per domenica 18 ottobre), in cui l'Amatori tenterà di allungare ulteriormente la propria serie positiva: nel primo derby della stagione, la società si augura una nutrita rappresentanza di supporters pescaresi al PalaBCC, dopo le buone presenze fatte registrare in entrambi i match casalinghi.


AMATORI PESCARA-AMBROSIA BISCEGLIE 78-62 (18-15; 33-37; 56-56)

PESCARA: Pepe 27, Rajola 12, De Vincenzo 8, Di Fonzo 2, Di Donato 13, Bini 4, Tabbi, Polonara 8, Mar.Timperi 4, Mat.Timperi. Coach: Salvemini.

BISCEGLIE: Buono 2, Cecchetti 17, Torresi 13, Gambarota 8, Listwon 6, Falcone, Ricchiuti ne, Zanotti 16, Drigo ne, Totagiancaspro. Coach: Corvino.