SERIE B

Delfino Pescara. Oddo guida il Pescara all'impresa: «Bari, siamo forti anche noi»

Poche novità di formazione: «non mi piace cambiare molto»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

37

PESCARA. «Il Bari è stato costruito per obiettivi importanti, ma anche il Pescara è forte e vuole stupire».

Chiaro come al solito e senza giri di parole il tecnico del Pescara, Massimo Oddo, in vista del match di domani (sabato, ndr) a Bari. Guardando la rosa delle 2 squadre si tratta del primo vero confronto fra 2 club che hanno come obiettivo minimo quello di centrare senza problemi un piazzamento in zona play-off: «se andiamo a vedere i giocatori per caratteristiche tecniche e di esperienza, il Bari è una delle squadre più forti di questo campionato. Loro proveranno subito a spingere e giocheranno offensivi, ma dal canto nostro vogliamo giocare una partita non timida ma propositiva. Vogliamo praticare il nostro calcio ovunque e con tutti».

Per quanto riguarda le formazioni, difficilmente il tecnico pescarese muterà il modulo e soprattutto gli uomini che hanno vinto e convinto una settimana fa allo stadio Adriatico col Perugia. Unica novità il ritorno tra i pali dopo la squalifica di Fiorillo: «ci saranno pochi cambiamenti nella formazione iniziale. Non sono un allenatore a cui piace cambiare molto di partita in partita. Faremo gli accorgimenti che servono. Cocco? Non è ancora in condizione ma non voglio rinunciare a lui insieme a Lapadula».

Chiusura di conferenza stampa della vigilia dedicata al grande ex Riccardo Maniero e agli intrecci di mercato estivi avuti con il Bari: «Maniero è un giocatore importante per la Serie B ma non l'ho mai richiesto. Cercavo altre caratteristiche per il ruolo di prima punta. Del Grosso? Il curriculum parla per lui e voleva avvicinarsi a casa, ma sono molto felice di avere in organico un giocatore bravo e ancora giovane come Crescenzi».

Il match (fischio d'inizio domani, sabato, alle ore 15,00) verrà diretto da Fabrizio Pasqua della sezione di Tivoli (assistito da Stefano Liberti e Luca Mondin).

Andrea Sacchini