I CONTI

Comune Pescara, approvato il Bilancio di Previsione. Recuperate risorse per il sociale

Rispetto all’anno scorso trasferimenti statali hanno subito un taglio di 8 milioni di euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

167


 
PESCARA. Nella seduta pomeridiana di ieri il Consiglio Comunale ha approvato il Bilancio di Previsione con 19 voti favorevoli e 10 contrari, presenti 29 consiglieri.
 
«Si tratta di un bilancio tecnico di natura puramente amministrativa – illustra l’assessore al Bilancio Bruna Sammassimo - Siamo riusciti comunque, nonostante le enormi difficoltà, a garantire le voci relative al sociale che in un primo momento sembrava di dover necessariamente intaccare». 
Un bilancio caratterizzato soprattutto dal piano di riequilibrio pluriennale che vede un disavanzo di amministrazione per l’anno 2014 di oltre 50 milioni di euro e che grazie all'ultimo decreto legge pubblicato il 19 giugno scorso in gran parte potrà essere restituito in 28 anni e il rimanente il 10 anni anche ricorrendo al fondo di rotazione che verrà assegnato a piano di riequilibrio approvato.
Il Decreto ha consentito un recupero di risorse preziose destinate a rimpinguare i capitoli del sociale. Inoltre, sempre con lo stesso decreto, con i risparmi che deriveranno dalla rinegoziazione dei mutui, sarà possibile recuperare risorse importanti e strategiche per tenere un equilibrio di bilancio altrimenti non raggiungibile. «Tale equilibrio», spiega Sammassimo, «è stato ottenuto attraverso le seguenti operazioni: riduzione della spesa per oltre 4 milioni euro, utilizzo del 70 per cento degli oneri concessori per 1,8 milioni di euro e utilizzo di parte del fondo di rotazione».
Rispetto allo scorso anno i trasferimenti statali hanno subito un taglio di circa 8 milioni di euro e per ripianare tale mancato introito è stato necessario fare nuovamente ricorso alla leva fiscale riducendo la fascia di esenzione Irpef ed eliminando alcune detrazioni Imu. La spesa corrente è pari a 98,6 milioni, per la prima volta sotto i 100 milioni.
«L'Amministrazione si muoverà in modo energico per il recupero delle entrate», spiega ancora l’assessore, «al fine di garantire respiro alle casse comunali e capacità di manovra al Comune, anche per poter recuperare risorse da destinare a capitoli di spese importanti per la città quali la Cultura e il Turismo che, oltre al sociale, hanno subito delle necessarie contrazioni».


Con un sub-emendamento di Forza Italia è stato rifinanziato il fondo di sostegno al reddito attivato nel 2010 con l’amministrazione di centrodestra: si tratta di 200.000 reperiti tra le pieghe di bilancio, per finanziare diversi  interventi: Fondo per il Sostegno al Reddito di famiglie in difficoltà + 130.000; Interventi vari in favore di persone diversamente abili: prestazioni di servizi + 30.000; assistenza assicurativa appartenenti al Corpo di Polizia Municipale  + 28.000; previdenza integrativa appartenenti al Corpo di Polizia Municipale + 12.000.
 «La capacità e la caparbietà hanno permesso, pur in una situazione di assoluta precarietà finanziaria, un lavoro proficuo che consente alla Città di Pescara, ed ai cittadini che vivono una particolare situazione di disagio, di poter beneficiare del Fondo di Sostegno al Reddito, già efficacemente utilizzato negli anni dell’amministrazione di Centrodestra, oltre a ripristinare una somma di 30.000,00 euro in favore dei diversamente abili», sottolinea Forza Italia.