SERIE B

Virtus Lanciano. Società e Ds Luca Leone al lavoro per una rosa competitiva

Questione stadio. Abodi parlerà alla Federazione: obiettivo nuova proroga

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

310

LANCIANO. Tecnico e giocatori sono in giro per il Mondo a godersi le meritate vacanze, ma per la società e per gli operatori di mercato rossoneri i giorni di giugno e luglio sono tutt'altro che rilassanti. Il Ds Luca Leone infatti, di comune accordo con la proprietà Maio, già da un paio di settimane sta sondando il mercato alla ricerca di elementi validi da regalare a mister D'Aversa in vista del prossimo campionato. Sarà una Serie B molto probabilmente più competitiva rispetto gli ultimi anni (Cagliari, Pescara, Parma, Cesena, Salernitana, Avellino, Livorno, Perugia, Spezia solo per citarne alcune, ndr) e la Virtus Lanciano non ha nessuna intenzione di presentarsi all'appuntamento con il nuovo anno impreparata. Ufficializzato il tecnico per la prossima stagione, l'attenzione del Ds Luca Leone è tutta rivolta ai prestiti che hanno fatto ritorno alle rispettive società di appartenenza. Nicolas e Grossi (di proprietà dell'Hellas Verona, ndr) potrebbero tornare mentre sembra difficile la riconferma sia di Gatto sia di Monachello. Possibile anche il prestito di un altro anno di Conti, che non troverebbe spazio nell'Atalanta in Serie A. Da risolvere poi con il Lecce la comproprietà di Nunzella in favore del sodalizio rossonero.

Nel saldo tra partenze e cessioni, sicuramente D'Aversa si affiderà al gruppo storico che ha trascinato il Lanciano in 3 anni di Serie B consecutiva: Aridità, Aquilanti, Troest, Amenta, Mammarella, Paghera, Bacinovic, Vastola, Turchi e Di Cecco.

Possibile qualche sacrificio in ottica bilancio (Thiam e Piccolo, ndr) mentre è lontano l'accordo per il rinnovo di contratto di Stefano Ferrario.

Questione Biondi. È scaduta al termine dell'ultima stagione la delega della Lega per l'utilizzazione dello stadio cittadino. Il presidente di Lega Andrea Abodi, che intercederà personalmente presso la Federazione, ha tranquillizzato i vertici della Virtus e nei prossimi giorni sono attese novità importanti.

I lavori, per un costo totale di circa 360mila euro, riguardano l'adeguamento del settore distinti la cui messa in sicurezza è prevista per Ottobre. Nello stesso mese dovrebbe scadere la nuova proroga.

Senza accordo e nuova deroga, infatti, il sodalizio rossonero sarebbe stato costretto a cambiare campo di gioco per le partite interne.

Andrea Sacchini