PALLONI SGONFIATI

L’Aquila calcio, partite truccate dal ds Di Nicola: le carte dell’inchiesta “dirty soccer”

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1373



L'AQUILA. Ercole Di Nicola, responsabile dell'area tecnica dell'Aquila Calcio, secondo quanto emerso dalle indagini, aveva un ruolo di primo piano nell'organizzazione che agiva a livello internazionale scoperta dalla direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, finalizzata alla combine di partite di Lega Pro e anche di serie B.
Il gruppo, che nelle carte degli inquirenti era definito «criminale», aveva rapporti anche esponenti vicini alla 'ndrangheta e poteva disporre di investitori internazionali che puntavano somme milionarie su partite combinate attraverso la corruzione di dirigenti e calciatori.
Le partite «truccate» stando ai magistrati sono Pisa-Torres (Coppa Italia Lega Pro); Juve Stabia-Lupa Roma; Santarcangelo-L'Aquila; Grosseto-Santarcangelo; Aquila-Savona; Prato-Santarcangelo; Cremonese-Pro Patria; Monza-Torres; Bassano-Monza; Torres-Pro Patria; Pro Patria-Pavia; L'Aquila-Tuttocuoio.
Di Nicola cerca di non coinvolgere direttamente L'Aquila che, infatti, vince le partite, ragione per la quale sono gli avversari ad essere pagati per perdere.
«Di Nicola, noto professionista del calcio - si legge nell'ordinanza - mette a frutto il suo ruolo e la rete di conoscenze in cui è bene inserito, organizzando e realizzando frodi sportive che, tornando a vantaggio della 'sua' squadra, portano lustro alla sua attività e soddisfano la sua ambizione. Di Nicola non si limita ad agire nel contesto a lui naturale, quale quello del girone in cui è inserita la 'sua' L'Aquila, procacciando vittorie truccate alla compagine sportiva cui appartiene, ma invade anche campi inseriti in gironi diversi della Lega Pro e addirittura riesce a introdursi nel campionato di serie B, cedendo ai complici, dietro finanziamento della 'combine', informazioni su partite combinate del torneo 'cadetto'».

Secondo gli inquirenti della direzione distrettuale antimafia di Catanzaro che hanno scoperchiato un nuovo scandalo calcioscommesse, il responsabile dell'area tecnica dell'Aquila Calcio Ercole Di Nicola «non solo altera incontri tra squadre del calcio professionistico ma finanzia combine traendo profitto dalle scommesse che gioca e fa giocare sul risultato alterato».
 I pm hanno riscontrato l'esistenza di un'associazione a delinquere con gli altri complici «allo scopo di commettere più delitti di frode in competizioni sportive e di truffa nonché delitti di estorsione aggravata e sequestro di persona a scopo di estorsione», «ponendo in essere un'associazione criminale, operante a livello mondiale, finalizzata alla commissione dei suddetti delitti diretti a influire e alterare, nel campionato di calcio di serie B, in Lega Pro, in Coppa Italia nazionale e di Lega Pro e in partite internazionali di calcio e basket, il naturale esito delle partite medesime».
 L'obiettivo del sodalizio criminoso era, per gli inquirenti, «conseguire vincite in scommesse per milioni di euro, che venivano effettuate prevalentemente su siti esteri (dell'Asia e della Turchia), scommesse ricollegate agli eventi sportivi organizzati dalle federazioni riconosciute dal Coni, che venivano effettuate dopo aver utilizzato lo strumento della corruzione di calciatori e/o dei dirigenti sportivi delle società calcistiche coinvolte, al fine di alterare il risultato della competizione».
 La Dda ravvisa inoltre il reato di truffa «ai danni delle società di calcio non coinvolte, del pubblico pagante che assiste ignaro alla competizione sportiva oggetto di combine, degli atleti-calciatori non coinvolti e degli scommettitori leali, intervenendo con offerte o promesse di denaro o altra utilità o vantaggio, nei confronti di calciatori e/o dirigenti, al fine di raggiungere un risultato diverso da quello conseguente al corretto e leale svolgimento della competizione».
 Ravvisate anche alcune aggravanti, il numero superiore a 10 e il fatto che «taluni degli associati scorrevano armati le pubbliche vie del territorio italiano».
 Inoltre, «dava il suo contributo un gruppo criminale organizzato (composto dai finanziatori Aleksander detto Sasha Brdanin, Milan Jovicic detto Michele, Uros Milosavljevic) impegnato in attività criminali in più di uno Stato».

COMBINE AQUILA-SAVONA FAVORITA DA GENOVESE
 Nelle 1.330 pagine del decreto di fermo della Dda di Catanzaro compare anche il nome di Massimiliano Solidoro, 42 anni, ex calciatore dilettantistico e ex collaboratore tecnico dell'ex allenatore del Savona Di Napoli. Ieri agenti della Squadra Mobile genovese hanno perquisito l'abitazione di Solidoro nel centro storico di Genova, un garage e la residenza della sua fidanzata. All'ex giocatore, cui è contestato il reato di frode in manifestazione sportiva, sono stati sequestrati smartphone e tablet. Solidoro è accusato di aver fatto da intermediario per il mister biancoblù Di Napoli con il direttore sportivo dell'Aquila Ercole Di Nicola, anche lui tra i fermati.
Solidoro, secondo quanto si evince dalle carte dell'indagine, si sarebbe recato prima a Roma e poi in Abruzzo il 22 novembre scorso proprio per organizzare la combine.
«Di Nicola - scrive la Procura calabrese - con l'intermediazione di Solidoro offriva-prometteva a Di Napoli denaro o altra utilità o vantaggio affinché la squadra del Savona uscisse sconfitta dall'incontro di calcio di Lega Pro Girone B con l'Aquila disputato in data 23 novembre e conclusosi con l'effettiva vittoria degli abruzzesi».
Tra le tante intercettazioni registrate dalla polizia c'è un dialogo in cui Di Nicola contatta Solidoro per conoscere la sua posizione e si informa «se fosse attrezzato».
 L'ex attaccante dilettantistico genovese replica dicendo «Io no, il mio amico si».

 Secondo quanto appreso, Solidoro sarebbe anche coinvolto nella mancata combine sempre tra l'Aquila e il Tuttocuoio. In quella circostanza, secondo quanto emerge dalle carte dell'indagine, avrebbe appoggiato un amico albanese residente a Vado Ligure (Savona) Edmond Nerjaku, che aveva denaro da scommettere su quell'evento.
La combine però non riesce e c'è il rischio di uno scontro tra l'albanese e il direttore sportivo dell'Aquila: «Perché - spiega Solidoro a Di Nicola - come si muove lui dietro ha degli... dei colossi, dei colossi ma tu non puoi neanche immaginare e di conseguenza per quello non... basta una cosa fatta bene e noi stiamo tutti benissimo e soprattutto possiamo programmare un lavoro comune senza problemi senza... perché se c'è da far qualcosa si fa se non c'è da fare non si fa, semplice, semplicissimo senza nessuno tipo di problema».