SERIE B

Virtus Lanciano. Corsa salvezza. Manca un punto per l'assoluta tranquillità

Sabato frentani a Carpi. Mammarella: «non ci saranno regali per noi...»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

744






LANCIANO. Abbandonata ormai ogni speranza play-off a seguito della sesta gara consecutiva senza vittoria, per la Virtus Lanciano è tempo di ipotecare una volta per tutte la salvezza, l'unico vero obiettivo designato in estate dalla dirigenza. Gli attuali 49 punti in classifica dovrebbero bastare ai rossoneri ma per avere la certezza resta da fare da qui al termine del campionato (3 partite, ndr) almeno un punto. Il calendario però non sembra dalla parte dei frentani che nelle ultime 2 giornate se la vedranno con Spezia in casa e Bologna fuori. Due pretendenti in piena lotta per accaparrarsi il miglior piazzamento in ottica play-off o addirittura la promozione diretta nel caso dei felsinei. Proprio per questo diventa fondamentale la gara di sabato sul terreno del Carpi che ha appena festeggiato la la Serie A. Gli emiliani potrebbero anche accontentarsi di un pareggio per salutare il proprio pubblico con 2 sole sconfitte in 20 gare.

Mammarella e compagni sanno però che non sarà una passeggiata e che soprattutto il Carpi non regalerà nulla: «la matematica non è ancora dalla nostra parte per la salvezza e non ci aspettiamo sconti né dal Carpi né da Castori che giustamente pretende sempre il massimo dai suoi ragazzi. Noi dobbiamo dare il massimo. Con un punto saremmo tranquilli ma una vittoria nelle prossime 3 gare ci metterebbe al riparo da ogni brutta sorpresa. Sempre possibili in Serie B».
La squadra ieri intanto in mattinata ha proseguito gli allenamenti al campo Memmo agli ordini del vice-allenatore Andrea Tarozzi (D'Aversa assente perché impegnato per il corso Master Uefa Pro, ndr). Turchi e Mammarella hanno lavorato col fisioterapista mentre Gatto e Fioretti hanno svolto lavoro differenziato. Oggi prevista una singola seduta al pomeriggio.

Andrea Sacchini