SERIE B

Delfino Pescara. Il gioco delude ma fino a che i punti arrivano...

A Lanciano un tiro un gol. Prova di cinismo estremo di Baroni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

624





PESCARA. Un'altra prestazione tutt'altro che esaltante dal punto di vista del gioco, ma ottima sotto il profilo della tenuta difensiva e del carattere, ha regalato al Pescara 3 punti fondamentali per la corsa play-off. A Lanciano l'undici di Baroni col minimo sforzo ha capitalizzato al massimo l'unica disattenzione difensiva dei frentani, che per tutta la gara hanno più volte creato i presupposti del vantaggio senza però essere concreti sotto porta. I punti, abbandonata ormai ogni idea di calcio spettacolo per quest'anno in riva all'Adriatico, in fondo sono davvero l'unica cosa che conta.
«È stata una vittoria importante a Lanciano perché la partita metteva in palio 3 punti pesantissimi» – ha raccontato il tecnico del Pescara, Marco Baroni – «alla fine è contato vincere perché ci consente di affrontare le prossime 2 gare ravvicinate con spirito rinnovato. Lì davanti i giochi non sono chiusi e vogliamo lottare fino alla fine per il traguardo play-off».
Sulle critiche legate al gioco dei biancazzurri: «Quando la squadra gioca come sa riesce a mettere in difficoltà qualunque avversario. L'aggressività del Lanciano? Lo sapevamo e ci siamo preparati bene creando nelle ripartenze i presupposti del gol. Abbiamo inoltre rischiato poco. I fischi? A Lanciano ho dato tutto e non ho nulla da rimproverarmi. Sono stato a testa alta in campo, i fischi fanno parte della nostra professione».
La squadra intanto prosegue gli allenamenti in vista del turno infrasettimanale di martedì sera allo stadio Adriatico contro la Pro Vercelli.
Andrea Sacchini