CALCIO

Serie B. Gli occhi del calcio abruzzese su Virtus Lanciano-Pescara. Si gioca alle 15

Baroni: «il Pescara è pronto». D'Aversa: «intensità e agonismo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

855


LANCIANO. Lo stadio Guido Biondi è pronto (tutto esaurito in ogni ordine di posti, ndr) ad accendersi per Virtus Lanciano-Pescara, un derby che profuma di play-off e di speranze da una parte e dall'altra.
Da una parte il collettivo e la forza del gruppo per ipotecare la salvezza e tentare il tutto per tutto in zona play-off. Dall'altra la schiacciante superiorità dei singoli e la voglia di estromettere una diretta concorrente dalla lotta alla promozione. Tra le mura amiche i rossoneri hanno conquistato buona parte dei punti in classifica. L'esatto contrario per gli ospiti, che lontano dallo stadio Adriatico vantano un ruolino di marcia da promozione diretta. Gli ingredienti per un derby spettacolare ci sono tutti, con Pescara e Virtus Lanciano che in 90 minuti si giocano molto più dei canonici 3 punti in classifica.
«Siamo pronti mentalmente e fisicamente» – ha raccontato in conferenza stampa il tecnico del Pescara, Marco Baroni – «sappiamo che questo derby rappresenta una gara importante e sono convinto che alla fine i dettagli faranno la differenza. Non dobbiamo avere paura anche se abbiamo rispetto del Lanciano».
Carico al punto giusto anche il mister dei frentani, Roberto D'Aversa: «il derby è sempre una gara a parte. Noi siamo pronti. Il Pescara è più forte tecnicamente ma vogliamo colmare questo gap con l'agonismo, l'organizzazione e l'intensità».

PRECEDENTI, CONVOCATI E PROBABILI FORMAZIONI
Solo un precedente al Biondi in Serie B, l'anno scorso con successo di misura del Pescara con un rigore molto contestato realizzato da Maniero. In assoluto bilancio in perfetta parità (3 vittorie a testa con 4 pareggi, ndr).
Indisponibili Turchi e Gatto, mister Roberto D'Aversa scioglierà soltanto all'ultimo il ballottaggio tra Cerri e Monachello al centro dell'attacco con Thiam e Piccolo sugli esterni. A centrocampo Vastola, Bacinovic e Di Cecco favoriti su Paghera e Grossi.
Pochissimi dubbi di formazione invece per Marco Baroni, che si affiderà all'oramai collaudato 4-4-2 dopo l'esperimento vincente del 4-2-3-1 dell'ultima gara col Modena. In attacco Pettinari è in leggero vantaggio su Sansovini come spalla del rientrante Melchiorri. A centrocampo Bjarnason e Politano sugli esterni con Selasi e Memushaj nel mezzo. In difesa l'unico ballottaggio è tra Zuparic e Fornasier per far coppia con Salamon.
Il tecnico del Pescara Marco Baroni ha convocato i portieri Fiorillo, Aresti e Aldegani; i difensori Zuparic, Pucino, Salamon, Zampano, Fornasier, Abecasis e Rossi; i centrocampisti Bjarnason, Gessa, Selasi, Memushaj e Torreira; gli attaccanti Pasquato, Politano, Caprari, Melchiorri, Sansovini e Pettinari.
D'Aversa ha convocato i portieri Aridità, Nicolas e Petrachi; i difensori Aquilanti, Mammarella, Troest, Amenta, Conti, Ferrario e Nunzella; i centrocampisti Vastola, Paghera, Grossi, Di Cecco, Bacinovic, Agazzi e Pinato; gli attaccanti Monachello, Thiam, Piccolo, De Silvestro e Cerri.
Dirigerà l'incontro Luca Pairetto della sezione di Nichelino. Guardalinee Giorgio Peretti e Luca Mondin. Fischio d'inizio questo pomeriggio alle ore 15,00 allo stadio Biondi di Lanciano. In vendita gli ultimi 100 biglietti di settore ospiti fino a mezzogiorno.

Andrea Sacchini