SERIE B

Delfino Pescara. Rinnovata la fiducia (a tempo) a Baroni. Modena decisiva

Con i canarini senza Salamon e Melchiorri. Baroni: «la prestazione mi conforta»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

770

PESCARA. Baroni va, anzi resta. A 24 ore di distanza dall'ennesima prestazione mediocre del Pescara, sconfitto meritatamente sabato a Frosinone, il tecnico toscano ha incassato nella mattinata di ieri la fiducia (a tempo, ndr) del patron Daniele Sebastiani. Sarà decisiva in tal senso la gara di sabato prossimo allo stadio Adriatico contro il Modena, ma è chiaro che il feeling tra il presidente e l'allenatore non è lo stesso di qualche mese fa.
Nessun ribaltone quindi ma il destino di Baroni, che non ha mai stretto con la piazza, è ormai segnato al di là della conquista o meno dei play-off a maggio.
Già nei minuti successivi al pesante ko col Frosinone si era parlato di una soluzione interna (Massimo Oddo, ndr) fino a giugno, ma il summit tra il patron, l'Ad Iannascoli ed i direttori Repetto e Pavone hanno fatto emergere la linea del rinnovo della fiducia all'ex mister della Virtus Lanciano.

«Ho visto una squadra viva» – ha raccontato il tecnico Marco Baroni nel post match col Frosinone – «peccato per i gol che ci hanno condannato alla sconfitta anche perché fisicamente non ho visto un Frosinone superiore a noi. Esonero? Bisogna chiedere alla società, io ho parlato col presidente e le nostre opinioni sono le stesse a riguardo».
Il tecnico del Pescara cerca in ogni modo di vedere il bicchiere mezzo pieno: «i risultati non sono dalla nostra parte ma mi conforta il vedere una squadra viva che gioca a calcio. Non sono preoccupato, al momento l'unico vero problema è che subiamo gol con troppa facilità. Occorre maggiore equilibrio e solidità in difesa».
La squadra intanto in settimana riprenderà gli allenamenti in vista del match col Modena. Baroni si giocherà la propria panchina senza 2 pedine fondamentali come Salamon e Melchiorri, che verranno sostituiti da Zuparic (con il rientro di Brugman o Selasi a centrocampo, ndr) e da Pasquato o Pettinari.
Andrea Sacchini