Lega Pro. Lapadula-Donnarumma sempre loro. Teramo: altro poker da B

Superata 4-3 la Lucchese. L'Ascoli scivola a -7 punti a 4 dalla fine

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

746





TERAMO. Al super Teramo di Lapadula e Donnarumma (una doppietta a testa, ndr) basta il primo tempo per vincere la resistenza della Lucchese e avvicinare ulteriormente la Serie B. Approfittando infatti del mezzo passo falso dell'Ascoli (bloccato 1-1 a Grosseto, ndr), il Diavolo si è portato a ben 7 lunghezze di vantaggio dai marchigiani a sole 4 giornate dal termine del campionato.
Avvio subito veemente e determinato degli abruzzesi, che passano a condurre le danze già al settimo minuto. Dalla destra Scipioni disegna una traiettoria perfetta per la conclusione ad incrociare di Lapadula che incenerisce Di Masi.
Trascorrono altri 11 minuti ed il Teramo raddoppia. Funzionano a meraviglia le fasce di Vivarini e Di Matteo dalla sinistra pesca nel mezzo Donnarumma che realizza il gol numero 20 in campionato.
Sembra tutto chiuso ma 60 secondi dopo la Lucchese riapre la gara. Dalla lunghissima distanza Ferretti sorprende Tonti e fa 2-1.
Colpito alla prima disattenzione il Teramo non si scompone e al 24esimo cala il tris ancora con Lapadula che prima ruba un pallone a Mingazzini e poi insacca in diagonale alle spalle di Di Masi.
Il finale di frazione è tutto di marca teramana con Di Paolantonio e Lapadula che sfiorano più volte il poker prima del sigillo in pieno recupero di Donnarumma, che su calcio di rigore realizza il proprio 21esimo gol in campionato.
Nella ripresa calano vistosamente i ritmi e ad approfittarne è la Lucchese che prima accorcia con Ferretti (doppietta, ndr) e poi nel recupero mette qualche brivido di troppo al Diavolo con il punto del 4-3 finale realizzato da Nolè.
Domenica prossima trasferta sul campo del Prato. In caso di vittoria degli abruzzesi e sconfitta dell'Ascoli (che ospita la Carrarese, ndr), l'undici di Vivarini potrebbe addirittura festeggiare la matematica promozione in Serie B.

TERAMO-LUCCHESE 4-3 (primo tempo 4-1)
MARCATORI: 7'pt e 24'pt Lapadula (Te); 17'pt e 45'pt su calcio di rigore Lapadula (Te); 18'pt e 7'st Ferretti (Lu); 44'st Nolè (Lu).
TERAMO (3-5-2): Tonti; Caidi, Speranza, Perrotta; Scipioni, Di Paolantonio (25'st Fiore), Cenciarelli, Amadio, Di Matteo (30'st Masullo); Lapadula, Donnarumma (41'st Petrella). A disposizione: Narduzzo, Diakitè, Brugaletta, Bucchi. Allenatore: Vivarini.
LUCCHESE (4-4-1-1): Di Masi; Nolè, Calistri, Espeche, Calcagni (40'st Strizzolo); Pagano (33'st Scapinello), Raicevic, Mingazzini (17'st Degeri), Ferretti; Lo Sicco; Forte. A disposizione: Pazzagli, Caze De Silva, Santerano, Pizza. Allenatore: Galderisi.
ARBITRO: Andreini della sezione di Forlì (Camillucci-Vitaloni).
NOTE: Presenti sugli spalti circa 5mila spettatori. Ammoniti: Mingazzini, Calcagni, Calistri. Espulsi: nessuno.
Andrea Sacchini