CALCIO

Lega Pro. Vecchi fantasmi per L'Aquila. Al Fattori la Spal passa 1-0

Zigori ricaccia gli abruzzesi lontanissimi dai play-off

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

747




L'AQUILA. Nulla da fare per L'Aquila che cade in casa 1-0 al cospetto della Spal. Decisiva una rete di Zigoni nel recupero del primo tempo su calcio di rigore.
La vittoria di domenica con il Pisa sembrava aver svegliato gli abruzzesi, crollati nuovamente ora a -5 dalla zona play-off. Tutto storto per l'undici del capoluogo, che non ha saputo approfittare di diverse buone chance prima per portarsi in vantaggio e poi per pareggiare la contesa.
Prima azione degna di nota al 12esimo, con una conclusione da fuori di Pedrelli che termina fuori non di molto.
Al 37esimo interessante cross di Scrugli e tentativo di Vella da 2 passi che viene frustrato da un cattivo controllo di palla.
In pieno recupero l'episodio che cambierà la storia del match. Fallo in area di Corapi su Gentile e calcio di rigore per la Spal. Dal dischetto Zigoni non sbaglia e porta in vantaggio i suoi.
Nella ripresa 2 buone chance per il pari. Una in avvio con un colpo di testa di Scrugli salvato sulla linea da un difensore ferrarese ed una nel finale su piazzato di Corapi sul fondo.
Domenica prossima per L'Aquila appuntamento sul terreno della Carrarese.

L'AQUILA-SPAL 0-1 (primo tempo 0-1)
MARCATORE: 46'pt Zigoni (Sp) su calcio di rigore.
L'AQUILA (4-2-3-1): Zandrini; Scrugli, Pomante (10'st Carini), Zaffagnini, Pedrelli; De Francesco (13'st Perna), Del Pinto; Pacilli, Corapi, Vella (24'st Sandomenico); Virdis. A disposizione: Cacchioli, Gotti, Perpetuini, Triarico. Allenatore: Zavettieri.
SPAL (3-5-2): Menegatti; Gasparetto, Cottafava, Silvestri; Lazzari (46'st Giani); Gentile, Capece, Di Quinzio (30'st Landi), Nava; Zigoni, Finotto (37'st Fioretti). A disposizione: Albertoni, Aldrovandi, Gerbaudo, Rovini. Allenatore: Semplici.
ARBITRO: Zanonato della sezione di Vicenza (Sciarca-Sbrescia).
NOTE: Presenti sugli spalti circa 800 spettatori. Ammoniti: Pomante, Virdis, Gentile. Espulsi: nessuno.

Andrea Sacchini