Basket. Roseto non delude. Espugnata Matera con merito 93-85

Buone statistiche a fine gara per gli abruzzesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1156




MATERA. La Mec-Energy Roseto sbanca il PalaSassi di Matera con il risultato di 85-93 e compie un altro passo verso la futura A2 unica della prossima stagione, salendo a quota 20 punti in classifica. Una partita dominata in lungo e in largo dagli Squali, bravi a gestire il vantaggio negli ultimi minuti, respingendo il tentativo di rimonta locale. Lo strapotere fisico degli Sharks (ben 14 rimbalzi in attacco per i biancazzurri) e la maggiore precisione al tiro dalla lunga distanza hanno portato la Mec-Energy al successo, contro una Matera troppo confusionaria e libertina in difesa.
E’ un Roseto magistrale, che non ha lasciato scampo agli avversari, malgrado questi ultimi giocassero tra le mura amiche. Non a caso Roseto ha vinto 3 delle ultime 4 trasferte, espugnando i campi di Treviso, Treviglio e appunto Matera. Buona gara collettiva per la Mec-Energy, che ottiene ben 46 punti dalla panchina: un dato che conferma la solidità del gruppo, ben orchestrato da coach Trullo in panchina e da Damier Pitts in campo. L’americano è stato probabilmente il migliore in campo, con 16 punti, 8 rimbalzi e 5 assist, e una gestione positiva della squadra. Buona gara anche da parte di Borra e Jackson, autori di 20 punti ciascuno. In doppia cifra anche Moreno, con 12 punti, mentre Marini ha collezionato 9 punti di pura personalità. Zampata vincente anche da parte del capitano, Bryan, con due schiacciate consecutive che, psicologicamente, hanno piegato le gambe dei lucani. 

Grazie alla vittoria odierna, Roseto sale a quota 20 punti in classifica e aggancia Legnano, sconfitto a Chieti, mentre supera Latina (18 punti) e distanzia ulteriormente Matera (14) e il fanalino di coda Piacenza (8). Gli Squali non potevano prepararsi nel migliore dei modi alla sfida di venerdì sera (27 febbraio, ore 20:30), quando affronteranno Imola al PalaMaggetti davanti ad Abdul-Rauf e alle telecamere di Sky, che trasmetterà la partita in diretta.
Alla palla a due, coach Di Lorenzo schiera Greene, Fallucca, Migliori, Bonessio e Tagliabue, e in panchina ritrova Richard, al rientro dopo un noioso infortunio alla mano. Coach Trullo risponde con Pitts, Bartoli, Jackson, Janelidze e Bryan. Assente Piero De Dominicis, a casa con la febbre, al pari di Carenza, il quale dovrebbe rientrare al più presto. I primi minuti sono di marca rosetana: Jackson e Pitts, autori di un parziale devastante di 0-12, costringono Di Lorenzo al time-out. Matera prova a reagire con Greene (ne segnerà 30 a fine gara, con un altisonante 15/17 dai liberi), ma gli abruzzesi restano in controllo dell’incontro, finché un mini parziale favorevole dei materani consente a Migliori e compagni di consumare il primo mini break sotto di 5 (15-20).
Nella seconda frazione, Roseto continua la sua marcia verso i 2 punti, complice l’ingresso positivo sul parquet di Borra e Marini dalla panchina. La chiave del primo tempo è la migliore precisione del Roseto: Matera infatti troverà la prima tripla soltanto nel terzo quarto (Fallucca). Gli Squali, dunque, ne approfittano, trovando uno strappo di ben 12 punti (44-32), ma a 10 secondi dalla fine del primo tempo un paio di episodi sembrano poter svoltare il match: Jackson commette fallo su Greene e si becca anche un tecnico per proteste, e, dopo il 3/3 a cronometro fermo dell’americano, Janelidze commette fallo antisportivo su Tagliabue, che chiude il secondo quarto sul 37-44.

Alla ripresa, Roseto parte forte con Ferraro, ma la precisione di Greene dalla lunetta da la carica alla Bawer: Tagliabue e Migliori si sbattono sui due lati del campo e la Mec-Energy accusa il colpo, tanto che i lucani trovano addirittura il -2 (44-46), rientrando definitivamente in partita, dopo un primo tempo sbadato. Eppure, dopo il time-out, gli Sharks tornano a dominare nel pitturato con Borra, che riporta i suoi intorno alla doppia cifra di vantaggio. Matera perde fiducia malgrado le bombe di Greene e Fallucca e torna in panchina per l’ultima sosta sotto di 11 (58-69).
Negli ultimi 10 minuti, i lucani aumentano l’intensità, portando Bryan e Ferraro a commettere il loro 4° fallo. Ad ogni modo, Bryan, dopo un primo tempo dedicato a difendere (ben 13 rimbalzi per l’italo-dominicano), si prodiga in attacco e piazza due schiacciate che intontiscono la squadra di casa. La Mec-Energy ha in controllo la gara anche quando Matera si riaffaccia sul -5 con una tripla di Migliori. Nell’ultimo minuto, Jackson e Moreno la chiudono dalla lunetta. 85-93 e 4 punti con Matera tra andata e ritorno: missione compiuta!
Giovedì 26 febbraio, tutti presenti alla cena di gala all'Hotel Liberty di Roseto, per dare il bentornato a Rauf, che sarà presente alla cena. Prenotazioni al numero di telefono 0858936319, al costo di 25 euro a persona: vietato mancare, così come venerdì sera al PalaMaggetti per Roseto-Imola (ore 20.30).

BAWER MATERA-MEC-ENERGY ROSETO: 85-93
Matera: Sacco ne, Cucco, Greene 30, Fallucca 5, Richard 4, Baldasso 7, Bonessio 6, Dagostino, Loperfido ne, Caroldi 4, Tagliabue 16, Migliori 13, All. Di Lorenzo
Roseto: Pitts 16, Borra 20, Ferraro 5, Bartoli 2, Marini 9, Janelidze 2, Ippedico ne, Bryan 7, Jackson 20, Moreno 12, All. Trullo
Arbitri: Migotto, Marota, Sansone
Note: Parziali: 15-20, 22-24, 21-25, 27-24. Usciti per 5 falli: Greene (Matera). Turno di A2 Silver: 23°. Luogo: PalaSassi. Spettatori: 1000. Matera: 28/59 al tiro, 23/42 da 2, 5/17 da 3, 24/27 ai liberi, 29 rimbalzi (5 off.), 13 assist, 13 perse, 6 recuperate, 81 di valutazione. Roseto: 33/67 al tiro, 24/41 da 2, 9/26 da 3, 18/27 ai liberi, 38 rimbalzi (14 off.), 10 assist, 13 perse, 7 recuperate, 95 di valutazione.