Basket. Proger Chieti giganteggia. Legnano è ko 77-70

Teatini certi di partecipare alla prossima A2 unica

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1225





CHIETI. A sette giornate dal termine la Proger Chieti è matematicamente sicura di disputare la Serie A2 unica nel Campionato 2014/2015. La sicurezza arriva al termine dell'ennesima gara al cardiolpalmo. Per portarla a casa, contro un Legnano mai domo e quasi infallibile nei 24 tentativi avuti dalla lunetta, è servito il solito Sollazzo versione superstar, un Ancellotti da 15+8 nonostante gravato prestissimo di 3 falli e costretto a soli 22:05 in campo, un Luigi Sergio che anche stasera ha fatto sempre la cosa giusta al momento giusto (e anche molte volte visti gli 11 rimbalzi tirati giù con 8 punti). Ma anche un Hamilton sempre più uomo di qualità ma solo quando serve (senza cioè la pretesa di voler essere la star a stelle e strisce) ed un Monaldi forse meno preciso al tiro, ma che spara ugualmente due delle sue bombe spezza le gambe agli avversari. Se poi si sommano anche minuti di grande sacrificio e sostanza dei due figli delle Lupa Paesano (15:38 minuti) e Di Giacomo (stavolta affidabile per ben 7:18), si capisce come alla lunga Legnano è stata stroncata e ha dovuto sottostare alla dura "legge del Tricalle". Dopo un primo tempo quasi sempre ad inseguire ed un terzo parziale a tentare inutilmente di scrollarsi dalle calcagna i lombardi, i teatini sembrano dare la svolta all'inizio del 3° minuto del quarto conclusivo. Frassineti aveva appena ridato il -2 al team di Ferrari, ma la Proger dà una decisa accelerata con carburante tutto americano: prima bomba di Sollazzo che risolve un'azione un po' confusionaria e statica, poi è lo stesso americano della Florida a smazzare un'assistenza per il connazionale Hamilton, per altri tre punti che danno il massimo vantaggio sul +8 e costringono gli ospiti al timeout. Ma era sono un'illusione temporanea, come dicevamo, dato che la squadra con Alberto Da Giussano sugli shorts prima serra le fila in difesa non lasciando più realizzare i locali, poi inizia a rimontare fino a tornare a -1 a 4' dal termine (penetrazione di capitan Di Bella). Per le Furie "l'è tutto da rifare" e si entra nell'ennesima volata della stagione. Lo srollone decisivo gli abruzzesi lo danno proprio all'ingresso del minuto finale. E' ancora Di Bella con un 2/2 a ridare il -2 a Legnano. Sollazzo, come sempre, si mette tutta la responsabilità sulle spalle e la scarica dentro il canestro ospite (74-70 a 47 tic-tac dall'ultimo strillo di sirena). Ed è qui che torniamo all'inizio del pezzo, quando parlavamo di Gigi Sergio che fa sempre la cosa giusta al momento giusto: il casertano stoppa Frassineti (una condanna per la Proger stasera) lanciato a canestro e poi recupera il pallone che Hamilton tramuta in un fallo guadagnato che frutta il 2/2 della quasi sicurezza a 30" dalla fine (+6).I titoli di coda scorrono quando, 13" dopo, Frassineti sbaglia il tiro del -3. Alla fine la Proger fa sua anche la differenza canestri, ribatando quella dell'andata (+4 Legnano), casomai dovesse tornare utile. Ma stasera si festeggia: nell'elenco della prossima A2 unica c'è già scritto anche "Proger Chieti".

Proger Chieti – Europromotion Legnano 77-70 (22-23, 17-20, 19-11, 19-16)
Proger Chieti: Hamilton 12 (2/4, 2/4), Ippolito, Palermo 9 (1/1, 1/3), Paesano 2 (1/2), Ancellotti 15 (6/9, 1/1), Sergio 8 (1/4, 2/5), Monaldi 10 (1/3, 2/7), Di Giacomo 0 (0/1), Sollazzo 21 (7/13, 1/4) N.E.: De Laurentiis. All.: Galli.
Europromotion Legnano: Krubally 21 (6/12), Petrucci 0 (0/1 da tre), Maiocco 5 (0/2, 1/5), Frassineti 21 (5/7, 3/8), Arrigoni 5 (1/2, 1/3), Di Bella 8 (3/5, 0/4), Locci 0 (0/1), III Merchant 10 (0/3, 1/2), Navarini 0 (0/1, 0/3) N.E.: Tognati, Gastoldi. All.: Ferrari.
Tiri Liberi: Chieti 12/16, Legnano 22/24. Rimbalzi: Chieti 36 (9 off.), Legnano 33 (9 off.). Assist: Chieti 14 (Sollazzo 8), Legnano 10 (Di Bella 3).
Fallo antisportivo a Sollazzo (2°quarto). Fallo tecnico a Palerno (2° quarto). Cinque Falli: Krubally. Spettatori: 1450.