SERIE B

Virtus Lanciano. D'Aversa sprona i suoi a dare di più: «avversari più determinati»

Il tecnico dei rossoneri non cerca alibi dopo la brutta figura di Bari

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

693




LANCIANO. Mesto ritorno in Abruzzo per la Virtus Lanciano che è tornata da Bari con 2 gol sul groppone e soprattutto con 0 punti e tante perplessità. I frentani, che col Brescia avevano impressionato per qualità della manovra e pericolosità offensiva, al San Nicola hanno costruito poco o nulla dalle parti di Guarna. La prima mezz'ora, giocata a buoni ritmi senza concedere praticamente nulla ai padroni di casa, è stata vanificata da 2 gravi disattenzioni difensive che hanno regalato vittoria e punti al Bari.
Deluso ovviamente il tecnico dei rossoneri, Roberto D'Aversa: «c'è poco da dire. I nostri avversari hanno meritato il successo perché hanno fatto più di noi. Sapevamo che il Bari era una squadra molto forte ma noi abbiamo fatto veramente poco. È stata una brutta prestazione».
«Cosa è successo?» – prosegue il mister della Virtus – «loro hanno avuto più grinta e determinazione di noi, che li abbiamo anche agevolati con errori evitabili in occasione dei gol vittoria. Accettiamo le critiche ma di partita negativa come questa ricordo solo il ko del Biondi col Frosinone (1-5, ndr)».
Dopo il disastro interno con i ciociari, i rossoneri hanno trovato la forza di rialzarsi e di completare una striscia di risultati positivi consecutivi pari a 9: «ora c'è da rimboccarsi le maniche e pensare solamente alla partita col Cittadella per riscattarci. Preoccupato? Assolutamente no anche perché sappiamo di aver fatto un girone di andata strepitoso».
«L'obiettivo resta la salvezza» – chiude D'Aversa – «però è chiaro che se c'è possibilità di fare qualcosa di più non ci tireremo indietro. Bisogna essere meno presuntuosi».
La squadra riprenderà gli allenamenti oggi in vista del match di sabato al Biondi col Cittadella. Mancherà sicuramente lo squalificato Grossi (espulso a Bari nel corso della ripresa, ndr) mentre è da valutare Piccolo.

Andrea Sacchini