Lega Pro. Lapa-Donnarumma fanno ancora male: Teramo-Santarcangelo 3-2

Quindicesimo risultato utile di fila. Domenica derby d'Abruzzo con L'Aquila

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1934


TERAMO. Un'altra prestazione straordinaria della premiata ditta Lapadula-Donnarumma, accompagnata da una prova di squadra buona, permettono al Teramo di superare al Bonolis 3-2 il Santarcangelo e di agguantare l'Ascoli in testa della classifica.
Quindicesimo risultato utile consecutivo per gli abruzzesi che hanno inoltre scavato un solco non indifferente nei confronti del quinto posto. Il tutto alla vigilia del super derby d'Abruzzo di domenica prossima al Fattori contro L'Aquila (quinta forza del torneo a 10 lunghezze con 2 gare interne da recuperare, ndr).
Prestazione buona del Teramo pur se infarcita da troppe pause che hanno permesso al Santarcangelo, inferiore tecnicamente, di lottare alla pari e rimanere in partita per lunghi tratti della contesa. Alla lunga però l'evidente divario tecnico ha inciso sul risultato e consegnato ai biancorossi 3 punti di vitale importanza per il proseguo del torneo.
Solo Teramo in avvio e vantaggio immediato già al minuto 13. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo Caidi è il più abile di tutti di testa ad insaccare.
Al 21esimo Diavolo vicino al 2-0. Capolavoro di Di Matteo che si libera di un paio di avversari e dal limite sfiora il bersaglio grosso.
Prima del riposo però ecco a sorpresa il pareggio del Santarcangelo. Il Teramo non riesce ad allontanare la sfera dalla propria area di rigore e Guidone firma di testa l'1-1.
Nella ripresa ospiti schiacciati nella propria metà campo. Prima Lapadula al quinto sfiora il sette con una grande azione personale, poi all'ottavo Lapadula riporta in vantaggio i suoi. Straordinario lavoro sulla fascia di Donnarumma che semina il panico e serve al centro un pallone d'oro per il compagno di squadra che di testa fa centro.
Al 16esimo il tris biancorosso. Straripante Donnarumma che resiste ad una carica di Olivi e beffa Nardi.
Girandola di cambi e gara in ghiaccio ma al minuto 31 ci pensa Guidone di testa a riaprirla ed a mettere qualche brivido di troppo agli abruzzesi, che nell'ultimo quarto d'ora però hanno difeso con ordine e senza troppe difficoltà l'esiguo vantaggio.
Domenica al Fattori derby contro L'Aquila.

TERAMO-SANTARCANGELO 3-2 (primo tempo 1-1)
MARCATORI: 13'pt Caidi (Te); 45'pt e 31'st Guidone (Sa); 8'st Lapadula (Te); 16'st Donnarumma (Te).
TERAMO (3-5-2): Tonti; Caidi, Speranza, Perrotta; Brugaletta (47'st Diakitè), Di Matteo (24'st Di Paolantonio), Amadio, Cenciarelli, Masullo; Lapadula, Donnarumma (34'st Petrella). A disposizione: Narduzzo, Loreti, Milicevic, D'Egidio. Allenatore: Vivarini.
SANTARCANGELO (4-3-3): Nardi; Bisoli, Cola, Olivi, Possenti; Obeng, Taugourdeau (39'st Ridolfi), Garufi; Guidone, Berardino (23'st Argeri), Graziani (30'st De Respinsis). A disposizione: Lombardi, Rossi, Falconieri, Adorni. Allenatore: Cuttone.
ARBITRO: Mastrodonati della sezione di Molfetta (Solazzi-Squarcia).
NOTE: Presenti sugli spalti circa 2mila spettatori. Ammoniti: Graziani, Cola, Di Matteo. Espulsi: nessuno.
Andrea Sacchini