Lega Pro. La sosta forzata fa male all'Aquila. Il San Marino vince 3-2 in rimonta

Rimpianti e recriminazioni per i rossoblù. Pozzebon e Del Pinto non bastano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1074

SAN MARINO. La sosta forzata per la neve fa malissimo all'Aquila che cede 3-2 in casa del modesto San Marino compromettendo la propria corsa ai play-off.
Tanta rabbia per l'undici del capoluogo, che ha avuto in mano la contesa e che deve recriminare più per gli errori propri che per quelli del direttore di gara (annullato il 3-3 a tempo quasi scaduto, ndr).
Prestazione tutta da rivedere per L'Aquila, brutta copia della squadra bella e vincente di qualche settimana fa.
Eppure la gara era iniziata subito in discesa per i rossoblù, passati in vantaggio al minuto 18 con Pozzebon di testa sugli sviluppi di un cross perfetto dalla destra di Pacilli.
Quattro minuti dopo buona chance per il raddoppio con un sinistro a giro di Pacilli che viene alzato in corner da Pozzebon.
Col passare dei minuti il San Marino alza i propri giri motore e costringe L'Aquila sulla difensiva. Al 33esimo Diawara da fuori area scalda le mani a Zandrini.
Nella ripresa cambia la gara. Al settimo il pareggio del San Marino con un destro chirurgico di Cuffa da oltre 25 metri.
Dopo il pari solo padroni di casa in campo. Prima Zandrini salva su Cruz all'undicesimo poi 2 minuti dopo Sensi tutto solo in area alza troppo la mira. Il giocatore del San Marino però si farà perdonare al quarto d'ora con un colpo di testa preciso da 2 passi che non ha lasciato scampo a Zandrini.
Girandola di cambi in casa L'Aquila e pareggio trovato da Del Pinto di testa al 27esimo sugli sviluppi del solito calcio da fermo di Corapi. Al 33esimo ancora il giocatore rossoblù di testa colpisce in pieno la traversa.
Nel finale succede di tutto. Prima Sensi con un gran destro al volo da fuori beffa Zandrini per il 3-2, poi viene annullata la possibile rete del pari a Carini a tempo quasi scaduto.
Domenica al Fattori derby d'Abruzzo con il Teramo, forse l'ultima spiaggia per rimanere ancorati al treno play-off.

SAN MARINO-L'AQUILA 3-2 (primo tempo 0-1)
MARCATORI: 18'pt Pozzebon (Aq); 7'st Cuffa (Sa); 15'st e 44'st Sensi (Sa); 27'st Del Pinto (Aq).
SAN MARINO (4-3-1-2): Secco; Bregliano, Benassi, Cammaroto, Cruz; Soligo (1'st Varone), Diawara, Cuffa; Sensi; Musetti (21'st Fogacci), Dia Pape (5'st La Mantia). A disposizione: Vivan, Bangoura, Magnanelli, Balzazzi. Allenatore: Tazzioli.
L'AQUILA (3-4-3): Zandrini; Zaffagnini, Pomante (21'st Scrugli), Carini; Pedrelli, Corapi, Del Pinto (48'st Perna), Gotti (19'st Sandomenico); Pacilli, Virdis, Pozzebon. A disposizione: Cacchioli, Maccarone, De Francesco, Triarico. Allenatore: Zavettieri.
ARBITRO: Rossi della sezione di Rovigo (Raspollini-Cecconi).
NOTE: Presenti sugli spalti circa 400 spettatori. Ammoniti: Benassi, Diawara, Cuffa, Cruz, Sensi, Zaffagnini, Pedrelli. Espulso: 47'st Sensi (Sa).

Andrea Sacchini