POLITICA JUKEBOX

Comune Pescara, giro di vite dei 5 Stelle sui gettoni di presenza. «Basta Furbetti»

Nuove regole per commissioni e consigli comunali

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2269

PESCARA. Mentre a Montesilvano imperversa la polemica sui gettoni di presenza che vede nel mirino i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, a Pescara i colleghi pentastellati hanno presentato una modifica al regolamento comunale in merito alla presenza in commissione e in consiglio comunale.
La proposta intende introdurre un comma in base al quale il gettone di presenza «spetta solo ai Consiglieri che partecipino ai Consigli comunali ed alle Commissioni per almeno due terzi del tempo totale della seduta ritenuta valida» e non più ad un solo minuto come accade oggi.
La richiesta «si è resa necessari», spiega la capogruppo Enrica Sabatini, «per il comportamento di alcuni consiglieri “furbetti” che in commissione entravano giusto il tempo di una firma sfruttando appunto l’assenza di una regolamentazione che imponesse un limite minimo di tempo di presenza».

Dopo aver denunciato circa un mese fa la vicenda di un consigliere comunale che entrando in commissione alle 10:40 aveva, invece, indicato l’orario delle 10 e dopo aver richiesto ed ottenuto, alla luce di questa vicenda, che solo il segretario potesse sancire l’orario di entrata e di uscita dei consiglieri, il Movimento 5 stelle propone un secondo “giro di vite” sulla durata dell’effettiva presenza in commissione e in consiglio.
«Non è accettabile», continua Sabatini «che si possa ottenere un gettone di presenza di 62 euro lordi circa anche per un solo minuto di presenza ed è per questo che, nel voler garantire una maggiore serietà del lavoro in commissione al fine di migliorare sempre più i servizi al cittadino, abbiamo deciso di inserire questo “vincolo temporale” attraverso il quale la corresponsione del gettone si applica solo se il consigliere partecipa ad almeno i due terzi del tempo totale del consiglio e della commissione».

LE MODIFICHE

Le “Modifiche del Regolamento del Consiglio Comunale” contenute nella delibera mirano ad integrare l’articolo 27 del Regolamento Comunale introducendo appunto un comma ad hoc che lega l’erogazione del gettone spettante ai Consiglieri all’effettiva partecipazione dei due terzi del tempo totale. Questa delibera si pone in continuità con quella presentata dai quattro consiglieri del Movimento 5 Stelle di Roma (Marcello De Vito, Daniele Frongia, Enrico Stefano e Virginia Raggi) che hanno, infatti, ottenuto l’approvazione dall’assemblea capitolina per un delibera che si muove nella stessa direzione.
«I cittadini sono i nostri datori di lavoro e “pagano lo stipendio” dei consiglieri comunali» concludono i consiglieri del M5S «e come ogni datore di lavoro hanno il diritto di veder garantito il servizio per cui “erogano uno stipendio”».
La stessa proposta dovrebbe arrivare nei prossimi giorni anche al Comune di Montesilvano e probabilmente in tutti gli altri Consigli comunali dove i 5 Stelle sono stati eletti.