Basket. La Proger Chieti non vuole più fermarsi. Superata 83-78 Recanati

Continua il campionato da sogno degli abruzzesi: 22 punti in 21 gare

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1439

CHIETI. La Proger compie un altro passettino, forse il penultimo visto che secondo molti 24 punti potrebbero bastare, verso la salvezza. Ma ciò che più conta è che lo fa ancora una volta contro tante difficoltà: l'assenza prolungata di Cardillo, l'influenza che ha falciadiato la squadra in settimana, la partenza di Di Emidio che ha ridotto le rotazioni, ed un avversario quotato e in formissima come la Recanati di Kykes e Mosley. Il team di Galli ha avuto il merito di non mollare mai quando i marchigiani hanno accelerato scavando solchi importanti (+15 a metà del 2° parziale e +5 a - 3'30" dalla fine). Questa Proger, però, è squadra che più volte ha dimostrato di avere, oltre a buone individualità, un carattere da vendere che parte dalla difesa. Ed è proprio da lì che Ancellotti e compagni hanno ricominciato dopo un avvio assolutamente non all'altezza delle altre prestazioni: 44 punti subiti nei primi 14 minuti. Le strigliate di Galli hanno dato la scossa e la formazione biancorossa ha iniziato a mettere qualche sassolino negli ingranaggi ospiti. Le percentuali dei lepardiani, mostruose nei primi 15' dalla lunga distanza, hanno iniziato a calare, così come le sicurezze in attacco. Il gioco fin a quel momento fluido del team di Sacco è andato sempre di più sulle spalle di un ispiratissimo Sykes, che era sì in serata di grazia, ma che alla fine ha finito per pagare andando in affanno e perdendo lucidità. La percentuale da tre dei recanatesi nei primi 20' di gioco (8/16), raffrontata a quella della seconda parte di gara (1/8), è la cartina al tornasole di come la Proger abbia serrato le fila nella seconda parte di gara, non concedendo più i facili tiri aperti che avevano proiettato la USB avanti di 15 nei 2° quarto. Chiaro che poi è servito il solito prestigiatore Sollazzo, che nei momenti difficili della partita, ovvero quando la palla scottava o aveva smesso di entrare, ha tirato fuori dal cilindro l'equivalente di un allevamento di conigli.

Ed è stato proprio l'americano della Florida dalla lunetta, a -22", a dare pareggio (quota 78) e +1 ai locali, lanciando la lunghissima volata di questa partita. Recanati va dall'altra parte e in 9" di difesa ringhiosa della Proger, riesce a mettere Pierini nelle condizioni di prendere un tiro dalla mezza distanza in posizione laterale sul fronte destro dell'attacco. Conclusione da dimenticare di "Attila" e fallo speso da Zanelli su Palermo, che va in lunetta con due personali i quali possono almeno blindare l'overtime. La mano del "barba" della Riviera non trema e le Furie volano a +3: 81-78 a 12" dall'ultimo strillo. Sacco chiama timeout per cercare la rimessa nella metà campo avversaria e un tiro aperto che valga il prolungamento di 5 minuti di gara. Gueye si incunea e trova un muro di maglie bianche: palla persa. Sollazzo vola a schiacciare due punti (anche in classifica) dentro il canestro gialloblu. 83-78 e Galli Band che sale a 22 in classifica dopo 21 giornate: alzi la mano chi ad agosto scorso, roster alla mano, ci avrebbe scommesso sopra 1 euro.

PROGER CHIETI USB RECANATI 83-78 (24-28, 42-46, 62-62)
Proger: Hamilton 14 (1/2, 4/8, 1r), Palermo 11 (0/2, 3/5, 3r), Marchetti ne, Paesano 2 (1/2, 1r), Ancellotti 12 (3/6, 1/1, 14r), Sergio 8 (1/2, 2/7, 7r), Monaldi 10 (2/2, 1/7, 5r), Di Giacomo, Sollazzo 26 (7/13, 2/3, 3r). All.: Galli.
USB: Sykes 25 (9/18, 14r), Zanelli 15 (3/4, 2/4, 3r), Pierini 3 (0/2, 1/3, 1r), Gurini 2 (1/1, 1r), Lawers 6 (2/7 da tre, 1r), Terenzi ne, Galmarini ne, Eliantonio 5 (1/3, 1/3, 2r) Mosley 10 (5/8, 12r), Gueye 12 (1/2, 3/7, 2r). All.: Sacco.
Abitri: Vanni degli Onesti, Caforio e Mottola.
Note - Tiri liberi: Proger 14/22, USB 11/21. Toto. tiri: Proger 28/60 (13/31 da tre), USB 29/62 (9/24 da tre). Rimbalzi: Proger 34 (8 off.), USB 36 (12 off.). Assist: Proger 11 (Hamilton, Sollazzo e Monaldi 3), USB 13 (Zanelli e Sykes 5). Fallo tecnico a Sacco (USB) a -2'29" 2°q. Cinque falli: Hamilton a -1'48" 4°q. Spettatori: 1200.