SERIE B

Delfino Pescara. L'Adriatico è un tabù. Baroni: «non è facile vincere in casa...»

Oggi alle 15,00 la Primavera affronta il Genk per gli ottavi del Viareggio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

845

PESCARA. Il pareggio miracoloso di sabato col Cittadella non ha lasciato indifferente la piazza biancazzurra, delusa da un rendimento troppo incostante tra casa e trasferta nelle prestazioni e soprattutto nei risultati. Amareggiato anche il tecnico Marco Baroni, che nella consueta conferenza stampa di inizio settimana ha posto l'accento sul rendimento negativo interno degli abruzzesi: «non sono d'accordo che la prova dei ragazzi col Cittadella sia stata mediocre. Fino al loro gol ci siamo comportati bene creando diverse occasioni e subendo poco. Poi alla prima ingenuità siamo stati puniti, poi abbiamo costruito diverse occasioni per trovare subito il pareggio. Poi trovare il gol all'ultimo minuto è dimostrazione di un gruppo che non molla mai».
«In Serie B non è facile vincere le partite» – prosegue Baroni puntando l'attenzione sul magro bottino di punti allo stadio Adriatico – «soprattutto in casa e se sei poco concreto. Inoltre abbiamo un po' di pressione psicologica quando giochiamo all'Adriatico. I numeri sono eloquenti (il Pescara è la squadra col rendimento peggiore interno, ndr). È una difficoltà che dobbiamo eliminare. Quando gli avversari vengono qui si chiudono e non è facile trovare gli spazi per colpire. Sono convinto che col tempo usciremo da questa situazione». 

Sul momento no di Melchiorri: «non ha giocato benissimo ma ha preso un palo, ha mandato in porta Pettinari ed ha preso la punizione del pari finale. Lui deve stare tranquillo e lavorare bene. È un momento di flessione psicologica. Per me non esiste un problema Melchiorri».
Sulla formazione anti-Latina: «è possibile che Selasi venga riproposto titolare. In questo momento lui si sposa meglio con le caratteristiche di uno tra Brugman e Memushaj. Selasi è un ragazzo affidabile ma non dimentichiamoci di Bruno che è un ottimo giocatore e si sta comportando molto bene in allenamento. Lui è anche un ex e queste armi psicologiche possono anche essere un vantaggio».
La squadra intanto prosegue gli allenamenti in vista della trasferta di sabato a Latina. Ieri doppia seduta al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo con ottime notizie che sono giunte dagli infortunati Aresti (rientrato a lavorare col preparatore atletico dei portieri, ndr) e da Rossi, che tornerà regolarmente in gruppo tra domani e dopodomani. Lavoro di scarico per Salamon mentre Lazzari, Pesoli e Savelloni (tutti out per la trasferta in terra laziale, ndr) hanno svolto soltanto terapie. Oggi doppia seduta di allenamento al campo Vestina di Montesilvano.
Oggi pomeriggio infine (calcio d'inizio ore 15,00) appuntamento storico per la Primavera biancazzurra che negli ottavi di finale del Torneo di Viareggio affronterà i belgi del Genk. Con ogni probabilità, indisponibili a parte, mister Massimo Oddo dovrebbe affidarsi allo stesso undici base che ha impressionato nel girone di qualificazione con Bologna, Belgrano e Roma. Nei quarti di finale è previsto l'incrocio con la vincente di Inter-Rappresentativa Serie D.

Andrea Sacchini