SERIE B

Delfino Pescara. Baroni in prima linea sul mercato: «io so cosa serve a questa squadra»

Ferma al momento la caccia per la punta: «possiamo permetterci di aspettare»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1643


PESCARA. Nonostante la vittoria convincente e netta di Trapani, che ha rappresentato il settimo risultato utile consecutivo, in casa Pescara a tenere banco in questo caldo mese di febbraio è soprattutto il mercato. In mattinata è arrivato in città Andrea Rossi, che dopo aver risolto il proprio contratto con il Latina (era in prestito dal Parma, ndr) ha scelto di legarsi ai colori biancazzurri fino a giugno. Un ritorno importante per Baroni che aveva espressamente chiesto il suo ingaggio nei giorni scorsi: «Rossi è un giocatore importante per la categoria che ho chiesto perché utile. Si è verificata una buona opportunità per noi, è un giocatore pronto che non ha guai fisici e non dobbiamo aspettare che entri in condizione. Quest'ultimo è un fatto molto importante da considerare perché non siamo più ad inizio campionato. Rossi inoltre conosce il gruppo e l'ambiente. Sono sicuro: ci darà una mano importante».
Risolta positivamente una delle maggiori priorità dell'organico, il Delfino si muoverà per assicurarsi un difensore centrale (siamo alla stretta finale per Michele Fornasier della Sampdoria, ndr) e soprattutto una punta di peso che non faccia rimpiangere Maniero passato la scorsa settimana a Catania. Il tecnico del Pescara Marco Baroni, però, ha chiesto tempo alla società considerato l'ottimo momento di forma degli attuali attaccanti a disposizione (Melchiorri, Pasquato, Da Silva e Caprari, con Sowe e Pogba destinati alla cessione nei prossimi giorni, ndr): «ho detto alla società di aspettare perché con gli attaccanti che ho a disposizione possiamo permetterci di aspettare un po' di più. Sono contento di tutti loro ma è chiaro che prima della chiusura della finestra trasferimenti dovrà arrivare una punta con caratteristiche che ora in rosa non abbiamo: forte fisicamente ed in grado di tenere alta la squadra».

Nel post Trapani il tecnico del Pescara aveva un po' bacchettato la dirigenza sul mercato: «ho detto che la società deve ascoltarmi perché nel corso dei mesi abbiamo cambiato modulo di gioco ed è normale che qualche giocatore che avevamo e che abbiamo ancora può non dare il giusto col nuovo schema. Bisogna lavorare in tal senso ed inserire giocatori freschi utili al progetto. Non dobbiamo prendere giocatori tanto per prendere, ma bisogna muoversi nella maniera giusta con intelligenza».
«Io so cosa bisogna fare – incalza Baroni – «e quali sono i cambiamenti di sistema di gioco a cui possiamo andare incontro. Noi abbiamo un buon organico ma non dobbiamo dimenticarci che la qualità non è fatta soltanto dai nomi ed in Serie B gli esempi sono sotto gli occhi di tutti.
Chiusura dedicata al momento della squadra: «stiamo andando bene ed io sono il primo che ne è felice ma non dobbiamo cadere nell'errore di esaltarci troppo. Questo è campionato talmente corto e livellato che tutto è possibile. Dare continuità è forse la vera crescita che possiamo avere».
La squadra intanto è tornata a lavorare questo pomeriggio al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo in vista del match interno di sabato con la Ternana. Lo staff sanitario biancazzurro, invece, rende noto che Emanuele Pesoli ha una lesione al gemello mediale della gamba sinistra: venerdì sarà sottoposto a ulteriore controllo per studiare al meglio il tipo di lesione.
Andrea Sacchini