SERIE B

Delfino Pescara. Le priorità del mercato sono chiare: un terzino ed una punta

Oggi è il giorno di Andrea Rossi. Attacco: difficili Coda e Caracciolo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1503

PESCARA. Vittoria, applausi e soprattutto continuità. Il 2015 biancazzurro è iniziato come meglio non poteva con la serie di risultati utili consecutivi allungata a 7 partite. I tanti complimenti però non devono illudere l'ambiente e soprattutto la dirigenza nel momento forse decisivo della stagione in fatto di decisioni importanti. Il mercato infatti rappresenta un'opportunità interessante per porre rimedio a diverse falle in organico soprattutto per quanto riguarda il reparto difensivo.
Oggi incontro importante con i dirigenti del Latina. In ballo Andrea Rossi che potrebbe tornare in Abruzzo a 6 mesi di distanza (sempre in prestito via Parma, società proprietaria del cartellino, ndr). Nelle prossime ore ci saranno novità anche per quanto riguarda Luciano Abecasis, terzino argentino classe 1990, in uscita dal River Plate. Il giocatore (che è ambito da un altro paio di club cadetti, ndr) deve ancora dare una risposta definitiva all'offerta formulata da Delfino.
Il Dg Repetto è anche alla ricerca di un difensore centrale qualora Uros Cosic venisse ceduto. Si fa il nome (tutto da confermare, ndr) di Michele Fornasier, impiegato in stagione da Mihajlovic nella Sampdoria soltanto in una gara di Coppa Italia.

Il reparto mediano invece (a meno di colpi di testa nel finale di mercato di Bjarnason che ha espresso la propria volontà di rimanere, ndr) dovrebbe rimanere inalterato.
Nessun nome nuovo infine per quanto riguarda l'attaccante, con Ferrari ormai destinato alla Virtus Entella e Baroni che sembra aver definitivamente bocciato Ardemagni. Si tratta col Parma per arrivare a Coda ma difficilmente il giocatore dei ducali potrebbe risultare utile considerate le precarie condizioni atletiche a seguito dal brutto infortunio che lo sta tenendo lontano dal terreno di gioco da oltre 2 mesi. Difficile la pista che porta a Caracciolo del Brescia, che al momento rappresenta un sogno.
Sarà compito di dirigenti e società far sì che la finestra invernale di trasferimenti sia l'occasione di un potenziamento della rosa e non, come accaduto nelle precedenti stagioni, di creare una polveriera che getterebbe alle ortiche quanto di buono fatto in questi mesi di campionato.
La squadra nel frattempo dopo un allenamento di scarico la domenica, tornerà a lavorare a pieno regime oggi in vista del match di sabato allo stadio Adriatico contro la Ternana. Baroni spera di poter recuperare almeno qualcuno degli infortunati. Da valutare le condizioni di Pesoli, Salamon e Lazzari.

Andrea Sacchini