SERIE B

Delfino Pescara. Mercato in stand-by. Memushaj: «ora la fase decisiva del campionato»

Capitolo cessioni: Bjarnason ed Appelt Pires con la valigia in mano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1126





PESCARA. Stenta a decollare il mercato in entrata ed in uscita del Pescara. E non potrebbe essere altrimenti con i pochi soldi in circolazione nel pallone nostrano e le altrettante poche trattative in piedi. Fin'ora solo e soltanto operazioni minori in Serie B, con le sole Catania e Bologna davvero attive con l'obiettivo di migliorare la rosa e puntare alla promozione nella massima serie.
In casa biancazzurra i nomi che circolano sono sempre gli stessi: Agostini e Del Grosso per la fascia mancina di difesa. Nessun passo in avanti ma sembra vicina invece la cessione di Bjarnason all'Empoli. Con le valigie in mano anche Appelt Pires, che tornerà alla Juventus prima di essere girato nuovamente in prestito in B o Lega Pro.
Chi certamente resterà (almeno fino a giugno, ndr) è Ledian Memushaj, una dei giocatori che maggiormente hanno brillato con la casacca del Delfino in questa prima metà di campionato: «sono contento dell'impatto che ho avuto con questa maglia. Probabilmente la migliore partita che ho fatto è stata quella col Varese, ma quello che conta sono i risultati della squadra».
«Quando sono rientrato dal grave infortunio non stavamo messi bene in classifica» – prosegue il centrocampista della Nazionale albanese – «poi ci siamo ripresi alla grande. Non era facile per me ricominciare a giocare e con il duro lavoro ce l'ho fatta».
Tra alti e bassi i biancazzurri cercheranno nella seconda metà del torneo maggiore continuità. Da incorniciare nel 2014 la prestazione di Livorno: «lì abbiamo fatto forse la partita migliore dell'anno, creando tantissimo e rischiando molto poco. Dobbiamo continuare con i buoni risultati e prestazioni senza calare l'attenzione anche perché entriamo nella fase decisiva del campionato. È il momento che può fare la differenza se si vuole puntare a qualcosa di importante».
«Ripartiamo da Trapani» – chiude Memushaj – «sarà difficilissimo contro una squadra che non ha mai perso in casa».
Prosegue intanto senza grossi intoppi il ritiro della prima squadra a Roma. È tornato a casa Vitturini per febbre alta mentre Memushaj è rimasto a riposo per un leggero stato influenzale. Terapie per Salamon mentre Lazzari ha svolto lavoro personalizzato. Oggi doppia seduta mentre domani è stata fissata un'amichevole alle 10 di mattina contro la Berretti della Lupa Roma.
Andrea Sacchini