Basket. Troppo Treviglio per la Proger Chieti: 85-90 il finale

Davanti ad un grande pubblico secondo ko per gli abruzzesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2427

CHIETI. La Proger Chieti perde la seconda gara di fronte al pubblico amico (accorso in ben 1600 unità alla partita di Natale dedicata all’infanzia), a causa di una difesa non all’altezza delle altre apparizioni, ma soprattutto alla mitragliata orobica (18 siluri da 3 mandati a segno). Ma a piovere sul PalaTricalle non sono state solo le bombe della “Brigata Vertemati”, ma anche i peluche della solidarietà teatina, con un “Teddy Bear Toss” sicuramente tra i meglio riusciti della LNP. Il campo è stato quasi ricoperto da animali e pupazzi di stoffa di ogni tipo, che sono stati raccolti e nei prossimi giorni verranno portati dai giocatori nel reparto di pediatria dell’ospedale. Poco prima della palla a due, invece, il presidente Di Cosmo aveva donato € 1000 alla Madre Superiora delle suere che gestiscono la struttura di accoglienza per bimbi e famiglie disagiate “Fondazione San Camillo De Lellis” di Chieti.
Che non sarebbe stata una serata facile lo si capisce subito, con la Remer che nei secondi 5’ del 1° quarto con un parziale di 15-4 costruiscono il primo vantaggio importante grazie a già 5 centri dalla lunga. La musica non cambia nel 2° quarto, con la Proger che riesce a raggiungere i 26 punti con cui Treviglio aveva chiuso i primi 10’ solamente al 16’ (canestro da 2 di Sergio). Il vantaggio ospite sale fino a + 16, ma i teatini, grazie allo strapotere di Ancellotti sotto il vetro e alle fiammate di Monaldi (2 bombe nel finale), ricuciono piano-piano e vanno al riposo a -5. Tra i due tempi, la sfilata di tutte le squadre del settore giovanile, dal mini-basket alle under 19, con i ragazzi che alla fine formano la scritta “Proger” sul parquet del palasport intitolato a Alessandro Leombroni, tra gli applausi del pubblico.

Il 3° quarto si apre come si era chiuso il 2°, ovvero con Monaldi che ne mette 5 in fila e dà il là al pari Ancellotti al primo pari della serata a quota 45. Contro break lombardo con un 8-0 stoppato dal time out di Galli a -5’36” dalla penultima sirena. Si va avanti a strappi, con la Proger che torna a galla (55-55) grazie ad una striscia griffata dalla premiata ditta Sergio (ottimo il suo apporto uscendo dalla panca) Ancellotti. Per vedere il primo vantaggio biancorosso bisogna attendere il 28’, grazie ad un 1 vs 1 di Sollazzo dopo due errori consecutivi da sotto nella stessa azione. Si va all’ultimo riposo sul 66-66 e gli ultimi 10’ sono una sorta di maxi-supplementare, dove su sponda abruzzese si spera che Treviglio cali la produttività dai 6,75 fin lì altissima. Ma non sarà così. Nella prima parte le Furie toccano anche il +4 ma da lì in poi chi si “infuria” è di nuovo il terzetto Kyzlink-Sabatini-Carnovali (quest’ultimo alla fine chiamerà 7 su 17 tentativi), che spediscono in buca tutto quello che lanciano da oltre l’arco. Per vedere un canestro degli sopiti che non sia da 3, bisogna attendere quando sul tabellone del PalaTricalle c’è scritto -2’12” (2/2 di Slanina dalla linea). Chieti ha anche un ultimo sussulto, riportandosi a -3 (81-84) grazie ad una bomba di Palermo (bravo anche stasera) e un gioco potenziale da 3 punti (non concretizzato) del solito totem Ancellotti (che ha annichilito l’ex Rossi). Dall’altra parte però il fallo sistematico è sulle guardie dalla mano ferma Marino-Sabatini, che fanno 7/8 nell’ultimo minuto e blindano il risultato. Tra sette giorni si viaggia (e anche tanto) verso Reggio Calabria, un’altra pretendente alla vittoria finale di questa Silver 2014/2015 di livello altissimo.

PROGER CHIETI - REMER TREVIGLIO 85-90 (13-26, 38-43, 66-66)
Proger: Cardillo 4, Palermo 11, Di Emidio ne, Paesano 2, Ancellotti 18, Sergio 14, Monaldi 18, Di Giacomo ne, Saffold 2, Sollazzo 16. All.: Galli.
Remer: Sabatini 12, Marusic ne, Kyzlink 20, Slanina 2, Pasqualin ne, Gaspardo 12, Marino 9, Carnovali 23, Rossi 4, Turel 8. All.: Vertemati.
Arbitri: Ascione, Raimondo e Caruso.
Note - Tiri liberi: Proger 12/17, Remer 16/20. Tiri da 3: Proger 9/24, Remer 18/35. Rimbalzi: Proger 34 (9 off.), Remer 31 (7 off.). Spettatori 1600. Cinque falli nessuno.