SERIE B

Delfino Pescara. Contestazioni e brutte prestazioni. Dal nulla si salva soltanto Melchiorri

Baroni: «bisogna riconquistare i tifosi». Domani Coppa Italia a Sassuolo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1371

PESCARA. Il pareggio ottenuto in extremis venerdì all'Adriatico con la Virtus Lanciano non ha affatto nascosto le tante difficoltà di una squadra ancora priva di identità dopo ben 3 mesi di campionato. I biancazzurri per l'ennesima volta hanno dovuto ringraziare Melchiorri, l'unico elemento (insieme ai soli Maniero e Memushaj, ndr) in grado di far cambiare passo ad un Delfino lento, impacciato e privo di idee e costrutto. Anche la Curva Nord al termine del derby con il Lanciano non ha riservato altro che fischi ai giocatori ed al tecnico Marco Baroni, chiamati nuovamente a tirare fuori gli attributi dopo il fuoco di paglia di Brescia e Frosinone. L'incontro acceso, durato diversi minuti, ha reso ulteriormente incandescente l'ambiente che a ragione non tollererà più prestazioni senza carattere come quelle di Modena (in situazione di parità numerica, ndr) e Lanciano.
«Noi abbiamo bisogno bisogno del nostro pubblico e spetta a noi riconquistarlo» – ha dichiarato mister Marco Baroni – «con il Lanciano siamo partiti bene poi ci siamo persi e sono venute fuori tutte le fragilità che abbiamo. Il pareggio acciuffato in questa maniera equivale ad una vittoria. La partita di Modena ci ha lasciato dei segni e piano piano bisogna ripartire».
Ieri intanto la squadra ha osservato come previsto l'ultimo giorno di riposo in vista della ripresa degli allenamenti a porte chiuse di questo pomeriggio per il match di Coppa Italia a Sassuolo di domani (ore 18,00). Per quanto riguarda il campionato invece la squadra continuerà gli allenamenti in Emilia per il match di sabato sul terreno della Pro Vercelli. Anche con i piemontesi assenze pesantissime come quelle di Memushaj, Melchiorri, Pucino e Lazzari squalificati e Venuti, Milicevic, Brugman, Nielsen e Caprari infortunati.
Andrea Sacchini